Menu
Italian English French German Spanish

La malattia di Parkinson può causare problemi sessuali?

Risponde la Dr Anna Zecchinelli, Neurologo che lavora presso il Centro Parkinson ICP a Milano:

Tra i sintomi non motori della malattia di Parkinson, a causa della denervazione delle strutture vegetative cioè della parte automatica del controllo nervoso degli organi, può comparire anche un disturbo dell'erezione. Spesso questo problema compare agli esordi della malattia ed uno dei primi sintomi nell'uomo è l'incapacità di portare a termine un rapporto. Va tenuto presente che un calo delle funzioni sessuali è spesso il primo segno di una depressione, così frequente nei nostri pazienti anche in fasi lievi di malattia. Molti farmaci, non solo antiparkinson ma ad esempio vari antiipertensivi, possono dare come effetto collaterale una disfunzione erettile. Molte malattie, tra cui in particolare il diabete e patologie prostatiche, comportano analogo sintomo, di conseguenza a volte sarà necessario effettuare accertamenti ulteriori per chiarire il quadro. Un effetto collaterale comune dei farmaci antiparkinson inoltre, in particolare dei dopamino agonisti, è un incremento del desiderio sessuale, la libido, che non necessariamente si riflette, dati i problemi sopra citati, in una maggior capacità di portare a termine il rapporto sessuale. L'aumento del desiderio avviene in entrambi i sessi, anche se in genere, per motivi culturali, il fenomeno viene generalmente riportato in ambulatorio solo dagli uomini, mentre la disfunzione rettile riguarda sostanzialmente il sesso maschile. L'aumento della libido rientra nella categoria della sindrome da mancato controllo degli impulsi, che comprende vari comportamenti aberranti, per esempio il gioco d'azzardo patologico, la compulsione a spendere ed altre compulsioni, alcune con pesanti ripercussioni sociali, altre meno devastanti, come ad esempio stare alzati di notte a lavorare al computer. Come già detto in precedenti occasioni, vale la pena di parlarne con il neurologo, spesso si può porre rimedio o migliorare la situazione.