Menu
Italian English French German Spanish

In arrivo l'apomorfina sublinguale

semplificazione di terapia complessa

Una delle terapie complesse per pazienti con malattia di Parkinson in fase avanzata con fluttuazioni motorie non più gestibili con la terapia farmacologia per via orale è la somministrazione continua del dopamino agonista apomorfina per via sottocutanea. Ora la ditta Cynapsus a Toronto sta sviluppando una formulazione per uso sublinguale (da mettere sotto la lingua, codice della molecola: APL-130277) da usare come farmaco di salvataggio quando il paziente va in OFF (improvvisa cessazione della efficacia della terapia con blocco motorio). Nella formulazione l'apomorfina è rivestita con un film che ne assicura la stabilità finchè non si scioglie a contatto con la saliva. Il farmaco è già in sperimentazione nell'uomo. Il suo profilo di farmacocinetica mostra che raggiunge la concentrazione massima nel sangue dopo 20-25 minuti. Attualmente sono in corso studi per stabilire la dose corretta da usare.

 

Fonte:  sito della Cynapsus