Menu
Italian English French German Spanish

La rasagilina nelle prime fasi della malattia di Parkinson

Un nuovo farmaco con pochi effetti collaterali migliora la sintomatologia della malattia di Parkinson nelle prime fasi e potrebbe anche modificare la progressione della malattia

La rasagilina, un inibitore delle monoamino ossidasi di tipo B, è stata somministrata a 371 pazienti affetti da malattia di Parkinson nelle prime fasi suddivisi in due gruppi. Un gruppo ha ricevuto la rasagilina (1 o 2 mg al giorno per 1 anno); il secondo gruppo è stato trattato prima con il placebo (una sostanza inerte) per 6 mesi e poi on la rasagilina (2 mg al giorno) per altri 6 mesi. I soggetti trattati con rasagilina per 12 mesi hanno presentato un declino funzionale inferiore rispetto ai pazienti non trattati con il farmaco per i primi 6 mesi. La rasagilina ha causato meno effetti collaterali (quali sonnolenza, nausea ed allucinazioni) rispetto a molti farmaci antiparkinsoniani già disponibili sul mercato.

Parkinson Study Group Arch Neurol 2004; 61: 561-566