Menu
Italian English French German Spanish

Parkinson ed ecstasy

Primo caso (ma molto dubbio) descritto

Sul numero del 6 maggio di New England Journal of Medicine è stato descritto il caso di un giovane di 29 anni che ha sviluppato una malattia di Parkinson non rispondente alla terapia farmacologica. Nella sua storia nulla di particolare eccetto per l'assunzione di almeno 10 pastiglie di ecstasy, la famosa droga delle discoteche, l'anno precedente. Studi sull'animale hanno dimostrato che l'ecstasy ha un effetto tossico per le cellule del sistema della dopamina.