Menu
Italian English French German Spanish

Un farmaco che merita uno studio nei pazienti parkinsoniani

L’atipamezolo migliora l’efficacia della levodopa e della apomorfina e riduce gli effetti dopaminergici avversi sulla vigilanza e sulla funzionalità cardiovascolare

L’atipamezolo, un antagonista dei recettori alfa2 che è oggetto di ricerca presso i Laboratori Orion, ha migliorato la funzionalità motoria nei modelli animali di malattia di Parkinson mediante il potenziamento dell’ efficacia dei farmaci dopaminergici ed ha alleviato gli effetti avversi. L’atipamezolo agisce sia indirettamente, stimolando il rilascio della noradrenalina, che direttamente bloccando i recettori alfa2 postsinaptici nei neuroni non facenti parte di nervi noradrenergici

Fonte: Haapalinna A e coll Naunyn Schmiedebergs Arch Pharmacol 2003; 368: 342