Menu
Italian English French German Spanish

La variante K del DNA mitocondriale è associata ad una riduzione del rischio di sviluppare la malattia di Parkinson

I risultati in un gruppo di 620 pazienti Italiani

È stata confrontata la frequenza di due varianti del DNA dei mitocondri (organelli nelle cellule che sono responsabili per la produzione di energia tramite processi ossidativi) detti J e K, in un gruppo di pazienti parkinsoniani italiani in cui l'esordio della malattia era avvenuta tra i 50 e i 65 anni di età e due gruppi di controlli sani di etnia diversa. È stato osservato che la variante K era decisamente meno frequente tra i pazienti parkinsoniani, soprattutto nei maschi.
Questo dato corrobora l'ipotesi che lo stress ossidativo abbia un ruolo importante nello sviluppo della malattia di Parkinson.

Fonte: Ghezzi e coll Eur J Hum Genet 2005; 13: 748-752