Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

Cellule della pelle diventano cellule nervose che producono dopamina: è vicino il giorno dei trapianti?

Intervista al Dr. Vania Broccoli, direttore della Unità di Cellule Staminali e Neurogenesi, Divisione di Neuroscienze, Istituto Scientifico San Raffaele di Milano ed al Prof. Gianni Pezzoli, direttore del Centro Parkinson ICP a Milano e Presidente della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson

JH: Dr. Broccoli, Lei ha pubblicato un articolo sulla prima rivista scientifica al mondo – Nature. Per pubblicare a quel livello, bisogna avere effettuato uno studio originale ovvero che nessuno ha fatto prima ed avere ottenuto dei risultati molto importanti, che rappresentano un punto di svolta nella medicina. Vediamo di chiarire ai lettori di www.parkinson.it questi due punti, ovvero che cosa ha fatto di originale e perché i risultati sono importanti.

VB: Ho svolto studi con una nuova tecnologia rivoluzionaria: la riprogrammazione genetica delle cellule Tutte le cellule del nostro corpo contengono il nostro DNA, ma nei vari tipi di cellule (es. cellule della pelle, celle nervose, ecc.) il DNA è “programmato” diversamente. Questo fa sì che alcune unità funzionali del DNA, detti geni, funzionano (“si esprimono”) tanto, mentre altri stanno in silenzio, a seconda del quello che la cellula deve fare. La mia equipe ha scoperto come modificare il programma di cellule della pelle (i fibroblasti) tramite l'inserimento di soli tre geni. Dopo l'inserimento di questi ultimi, nell’arco di un paio di settimane le cellule della pelle cambiano il loro comportamento e diventano cellule nervose che producono dopamina. Siamo riusciti a farlo non solo con cellule di topi e ratti, ma anche con cellule di origine umana. Si trattava di cellule della pelle donate da persone sane e da malati di Parkinson. Molti ricercatori stanno lavorando alla riprogrammazione genetica delle cellule, ma finora nessuno era riuscito a fare una cosa del genere con cellule di origine umana e per giunta con l'inserimento di così pochi geni, ecco perché Nature ha accettato il nostro lavoro.

JH: È proprio sicuro che le cellule trasformate hanno tutte le complesse funzioni delle cellule nervose dopaminergiche?

VB: Assolutamente sì. Ho collaborato con l'elettrofisiologo russo Alexander Dityatev che lavora all’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova. Lui ha sottoposto le cellule a una serie di test ed è giunto alla conclusione che presentano tutti i comportamenti di una cellula nervosa dopaminergica normale: trasmettono impulsi elettrici; presentano attività elettrica spontanea con una frequenza regolare a 2-2,5 Hz e con un andamento particolare che si osserva quasi esclusivamente nelle cellule nervose dopaminergiche; presentano i marcatori delle cellule nervose dopaminergiche, tra cui i trasportatori della dopamina ed i recettori D2. Inoltre, la mia equipe ha trovato quantità di dopamina nelle colture di queste cellule, il che significa che secernono il neurotrasmettitore proprio come fanno le cellule nervose dopaminergiche nel cervello. Quando è stata aggiunta alla coltura una sostanza che stimola i recettori D2 (che regola cioè la produzione di dopamina), la produzione di dopamina nella coltura è diminuita. Infine, le cellule trasformate di topo sono state trapiantate nella corteccia dell'animale (luogo anormale per cellule nervose dopaminergiche, ma vi era il bisogno di poterle distinguere dalle cellule nervose circostanti) ed hanno attecchito, entrando a fare parte di circuiti nervosi tramite i loro tipici collegamenti, dette sinapsi.

JH: Tutte le cellule si sono comportate così? O vi erano differenze tra quelle di topo e di origine umana, oppure tra quelle dei donatori sani e dei malati di Parkinson?

VB: Tutte quelle che si sono trasformate. Purtroppo molte non l'hanno fatto. Si sono trasformate circa il 18% delle cellule di topo ed il 4% delle cellule di origine umana. Non vi erano differenze tra il comportamento delle cellule dei donatori sani e di quelle dei malati di Parkinson.

JH: Se ho capito bene, le cellule trasformate si comportano esattamente come le cellule nervose dopaminergiche normali. Allora sono proprio identiche alle cellule nervose dopaminergiche del cervello?

VB: No, non sono proprio identiche. Abbiamo anche analizzato 13000 geni del loro DNA ed abbiamo scoperto 160 differenze (1,2% del totale). Tuttavia, in base alle conoscenze attuali non sembra che queste differenze abbiano importanza.

JH: E veniamo al'’importanza di questi risultati.

VB: Il vero punto rivoluzionario di questi risultati consiste nel fatto che le cellule si siano trasformate da cellule della pelle in cellule nervose senza passare attraverso fasi intermedie di sviluppo. In passato altri ricercatori erano riusciti a trasformare cellule della pelle in cellule nervose, ma facendole tornare indietro a cellule staminali (“ringiovanendo”) le cellule della pelle e poi inducendole a trasformarsi in cellule nervose. Ci siamo riusciti anche noi. Tuttavia, questa procedura presenta dei rischi. Come ho già avuto occasione di spiegare in passato (vedere l'intervista "i raccolti di un coltivatore di cellule staminali") le cellule staminali sono cellule che proliferano moltissimo e purtroppo, quando si induce la trasformazione in cellule nervose, alcune di esse sfuggono al controllo e possono diventare cellule tumorali. Con la nuova procedura questo rischio non c’è più.

JH: Mi ricordo. Diceva che questo frenava l'uso delle cellule per un trapianto di cellule nervose dopaminergiche con lo scopo di rimpiazzare quelle distrutte dalla malattia di Parkinson. Allora, adesso le cellule nervose dopaminergiche ottenute con la riprogrammazione genetica sono utilizzabili?

VB: La nostra procedura mette finalmente a disposizione una fonte di cellule nervose dopaminergiche omogenee, che dovrebbe prestarsi bene per un trapianto. Le cellule che possiamo fornire sono molto diverse da quelle usate in passato ovvero cellule fetali, che hanno dato risultati negativi. Le cellule prese da feti umani usate comprendevano non solo cellule nervose dopaminergiche, ma chissà quali altri tipi di cellule. Infatti, l'autopsia di due pazienti che avevano presentato importanti effetti collaterali dopo il trapianto (movimenti involontari) e che sono morti nel frattempo ha evidenziato circuiti anormali con quantità eccessive di un altro neurotrasmettitore, la serotonina, a dimostrazione che erano state trapiantate anche cellule nervose serotoninergiche. Inoltre, derivando da cellule del paziente stesso, le cellule geneticamente riprogrammate non saranno soggette a rigetto.

Prima di avviare procedure di trapianto, però, dobbiamo effettuare alcune prove nell'animale. Come ho detto prima, abbiamo la certezza che le cellule riprogrammate in cellule nervose non sono proprio identiche a quelle nate come cellule nervose. Dobbiamo dimostrare che non presentano problemi di sicurezza inaspettati e che funzionino veramente. Studi in topi e ratti il cui cervello è stato danneggiato con la tossina 6-OHDA per creare lesioni simili a quelli che si trovano nel cervello dei malati di Parkinson sono già in corso ed i primi risultati dovrebbero essere disponibili a fine anno. Nel frattempo procediamo anche con studi per migliorare l'efficienza della procedura, perché la trasformazione del 4% delle cellule è un po' bassa. Se i risultati nei topi e nei ratti fossero positivi, procederemo con studi nella scimmia e quindi se tutto dovesse andare bene, allora avvieremo pratiche con le autorità sanitarie per ottenere il permesso per sperimentare il trapianto di cellule nell'uomo. Qualche complicazione burocratica ci sarà, perché si tratta di cellule geneticamente modificate, soggette ad una legislazione severa. Tuttavia, pensiamo che si tratti di problemi risolvibili in pochi anni.

JH: Dr. Broccoli, Lei cosa pensa, le prospettive per i trapianti sono buone?

VB: Io credo a quello che sto facendo. Tuttavia, preferisco non rispondere a questa domanda direttamente, perché non sono un medico e non è di mia competenza.

JH: Finalmente un ricercatore che non dice che i risultati ci saranno tra 5-10 anni, ma tra solo un paio! A nome dei pazienti parkinsoniani, La ringrazio molto per tutto quello che sta facendo e per il tempo che mi ha dedicato. Adesso vado a porre qualche domanda ad un neurologo che ha già esperienza di sperimentazioni in cui sono state trapiantate cellule nei pazienti parkinsoniani.

VB: Un momento, prima di concludere vorrei esprimere la mia riconoscenza alla Fondazione Grigioni che mi sponsorizza pagando la borsa di studio di uno dei miei collaboratori. Questa ricercatrice ha avuto un ruolo importante nella messa punto della riprogrammazione genetica delle cellule ed attualmente è responsabile dei trapianti cellulare sui topi e ratti. Inoltre, desidero ringraziare tutti coloro che hanno donato campioni di pelle alla Biobanca presso il Centro Parkinson ICP.

-------------------------------------------

JH: Prof. Pezzoli, se non erro, Lei ha esperienza diretta di trapianti di cellule nel Parkinson.

GP: È vero. Mi sono specializzato in neurologia, ma anche in neurochirurgia. Ho personalmente svolto ricerche sul trapianto di cellule surrenali secernenti dopamina nel ratto. Inoltre, ho avuto un coinvolgimento nella sperimentazione che ha condotto il Prof. Fahn della Columbia University negli anni ’90, trapiantando cellule fetali nello striato. Purtroppo, ho constatato di persona anche quali gravi effetti collaterali può avere talvolta un trapianto: movimenti involontari incontrollabili, di fronte ai quali eravamo impotenti.

JH: Capisco. Immagino che sia restio ad effettuare altri trapianti. Cosa pensa della prospettiva di riprendere trapianti con le cellule riprogrammate geneticamente per diventare cellule nervose dopaminergiche dal Dr. Broccoli? Pensa che funzioneranno nell'animale?

GP: In base ai dati sperimentali che ho visto (sono co-autore dell'articolo pubblicato su Nature e sono stato coinvolto nella interpretazione dei risultati) credo che si tratti di vere e proprie cellule nervose e che la probabilità che gli studi nell'animale diano risultati positivi sia alta.

JH: Allora, tra pochi anni ci troveremo di fronte al dilemma: procediamo con i trapianti oppure no? Cosa pensa di questa ipotetica opportunità?

GP: Penso che questa opportunità presenta alcuni aspetti positivi ed altri ancora incerti.

Gli aspetti positivi sono che finalmente abbiamo una fonte di cellule nervose dopaminergiche omogenee purificate, che rappresenta un notevole passo avanti rispetto a quello che avevamo a disposizione in passato. Inoltre, il fatto che si tratti di cellule derivate dal paziente stesso supera qualsiasi problema di ordine etico, nonché il problema del rigetto.

Gli aspetti ancora incerti sono di ordine anatomico. Le cellule nervose dopaminergiche della sostanza nera emettono lunghi prolungamenti verso lo striato per formare un particolare circuito che regola il movimento. Cellule nervose dopaminergiche trapiantate nella Sostanza Nera potrebbero emettere prolungamenti solo per qualche millimetro, in tutte le direzioni. Dunque, per essere sicuri di ristabilire il circuito devo trapiantarle nello striato, così, in qualunque direzione emettano i prolungamenti si collegherebbero con cellule dello striato. Si tratterebbe comunque di una situazione non fisiologica.

Poi, vi è il problema legato alla quantità delle cellule. Certo, il Dr. Broccoli può aumentare l'efficienza della procedura ed usare tante cellule della pelle. Per evitare un danneggiamento meccanico del cervello non possiamo però prevedere di effettuare molte iniezioni di cellule lo striato. Non sarà facile quindi ripristinare tutto il circuito in maniera normale.

JH: Capisco. Tuttavia, non pensa che si potrebbe ottenere almeno un risultato positivo parziale?

GP: Penso che potremmo ottenere effetti parziali e migliorarci con il tempo, ma non credo che nessuno possa predire esattamente quali sarebbero i risultati.

JH: Allora, Lei è negativo o positivo, non pensa di cogliere questa opportunità, qualora si presenti?

GP: Io sono sempre positivo. Faccio solo presente quali sono le difficoltà. Vediamo come sono i risultati nell'animale e andiamo avanti.

Notizie correlate