Parkinson.it

Mancanza di dopamina e rapporto inverso tra dipendenza (fumo, consumo di alcool) e parkinsonismo

I dati suggeriscono che il fumo non sia protettivo

E' stato riscontrata una riduzione del rischio per malattia di Parkinson non solo nei fumatori, ma anche nei forti consumatori di alcool e caffè in uno studio epidemiologico in cui 7000 soggetti sono stati seguiti per 10 anni in Olanda. Secondo l'Autore, la riduzione della incidenza di malattia di Parkinson in questi soggetti è dovuta alla presenza di un livello più elevato di dopamina nel loro cervello. La dopamina è un neurotrasmettitore connesso a comportamenti associati ad abuso di sostanze ed alla ricerca di novità. Questi dati confutano la ipotesi che il fumo sia protettivo.

© 1996-2014 Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson - Via Zuretti 35 - 20125 Milano - Tel. 02 66710423 - C.F. 97128900152

Top Desktop version