Menu
Italian English French German Spanish

Risolto il dilemma etico riguardo alle cellule staminali embrionali?

Ricercatori affermano di averli creati a partire da cellule adulte della pelle

Ricercatori della Harvard University negli Stati Uniti affermano di essere riusciti a creare una nuova linea di cellule staminali embrionali a partire da una cellula embrionale coltivata in laboratorio una cellula adulta normale della pelle (un fibroblasto). La tecnica consiste nella fusione delle due cellule con la formazione di un ibrido che si viene riprogrammato in modo da comportarsi come una cellule staminale embrionale e non come una cellula adulta. Si tratta di un importante passo avanti per due motivi. 1) se la tecnica ha successo, non sarà più necessario ricorrere alla clonazione terapeutica per disporre di linee cellulari staminali 2) la tecnica teoricamente permette di produrre cellule embrionali su misura per il paziente, dato che la nuova linea sarebbe costituita da cellule che contengono il patrimonio genetico del paziente stesso. Le cellule sono state sottoposte ad una serie di test, in cui si sono sempre comportate come cellule staminali embrionali. Uno dei test consisteva nel testare la loro capacità di trasformarsi in altri tipi di cellule adulte, tra cui cellule nervose adulte, e tutte le trasformazioni sono perfettamente riuscite. Tuttavia, la tecnica non è ancora pronta per l’uso nell’uomo, perché si forma un ibrido che contiene non solo il patrimonio genetico della persona da cui è stata prelevata la pelle, ma anche il DNA della cellule embrionale che dovrà essere rimossa senza compromettere la vitalità delle cellule. Attualmente i ricercatori stanno lavorando per mettere a punto una tecnica che ne permetta la rimozione.

Reutershealth