fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

L'uso della vitamina E nei pazienti neurologici anziani è controverso

I risultati degli studi clinici con questo antiossidante sono contradditori

La vitamina E è un noto antiossidante. E' stata studiata la sua efficacia in studi clinici in diverse malattie neurologiche, tra cui la malattia di Parkinson, la malattia di Alzheimer e la discinesia tardiva, in cui si ritiene che lo stress ossidativo possa essere un fattore eziologico. L'esperienza in 2 grandi studi indica che supplementi di 2000 UI di vitamina E al giorno, somministrati per periodi fino a 2 anni, hanno un buon profilo di sicurezza. Tuttavia, i risultati relativi alla loro efficacia sono stati contradditori ed ulteriori studi sono necessari per stabilire il loro ruolo nella prevenzione di malattie neurologiche.

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !