fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Approccio diverso alla terapia genica

Nuovo vettore per via endovenosa

 

Finora la terapia genica si è sempre avvalsa di virus inattivati che dovevano essere iniettati nel cervello con una procedura invasiva e che rimanevano confinati al sito di iniezione.

Ora è stato messo a punto un altro vettore, sempre di origine virale, che può essere somministrato per via endovenosa e che è in grado di trasportare il gene terapeutico attraverso la barriera emato-encefalica che protegge il cervello contro eventuali tossine o patogeni nel sangue. Inoltre, è in grado di diffondersi ampiamente nel sistema nervoso centrale.

Questo nuovo vettore è già stato usato con successo in un modello sperimentale di malattia di Parkinson nel topo per veicolare una terapia genica correttiva. I deficit neurologici sono migliorati e non vi sono stati segni di effetti negativi.

 

Fonte: Morabito G e coll Mol Ther online 10 agosto 2017

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !