fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Dalle cellule della pelle dei malati di Parkinson, una possibile cura

Dr. Vania BroccoliLa Fondazione Grigioni cosponsor della ricerca che mostra come i fibroblasti cutanei possono essere trasformati in neuroni dopaminergici.

Il Dr. Vania Broccoli, Direttore dell'Unità cellule staminali e Neurogenesi del San Raffaele, assieme alla sua equipe di ricercatori, ha messo a punto una nuova metodica di ingegneria genetica che permette di trasformare cellule della pelle (fibroblasti) in cellule nervose (neuroni) dopaminergiche – quelle che mancano nei malati di Parkinson. Il metodo consiste in una riprogrammazione genetica della cellula tramite l'inserimento di tre geni (Mash1, Nurr1 e Lmx1a) che fanno scattare la trasformazione in neuroni dopaminergici indotti (iDA). Gli iDA sono stati sottoposti ad una serie di test in laboratorio ed i risultati mostrano che si comportano esattamente come tutte le altre cellule nervose, generando attività elettrica spontanea, formando contatti sinaptici e rilasciando la dopamina che serve così tanto ai malati di Parkinson. I ricercatori si ripropongono di continuare gli studi per valutare la possibilità di trapiantare gli iDA per rimpiazzare i neuroni persi nella sostanza nera del cervello a causa della malattia.

L'importanza della scoperta di questo metodo è stata riconosciuta a livello internazionale con la pubblicazione sulla rivista Nature, la prima rivista scientifica nel mondo.

La ricerca è stata svolta con la collaborazione del Centro Parkinson ICP di Milano (le cellule della pelle sono state prelevate da pazienti che frequentano il Centro) e della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.

Caiazzo M e coll Nature online 3 luglio 2011

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !