fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Identificato un altro potenziale fattore antiparkinsoniano

La beta-sinucleina blocca la aggregazione della alfa-sinucleina nei corpi di Lewy

Una molecola presente in natura, denominata beta-sinucleina, è in grado di bloccare un eccessivo accumulo e l?aggregazione della alfa-sinucleina omologa nei corpi di Lewy, i depositi simili a placche riscontrati nei neuroni morenti della sostanza nera nella malattia di Parkinson. Si è giunti a questa conclusione in base a ricerche in topi doppiamente transgenici che esprimono sia l? alfa- che la beta-sinucleina ed a studi in vitro. Le proprietà antiaggreganti della beta-sinucleina potrebbero costituire la base per una nuova terapia della malattia di Parkinson e di altre malattie neurodegenerative.

Hashimoto M et al Neuron 2001; 32: 213-223

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !