fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Scoperto un possibile meccanismo alla base della sonnolenza diurna nella malattia di Parkinson

Sarebbe colpa dell’'orexina-A

E’ stata osservata sonnolenza diurna nei pazienti parkinsoniani e finora non era chiaro quale fosse il meccanismo alla base del disturbo. Ricercatori dell’Università di Parigi e dell'’Ospedale Henri Mondor nella medesima città hanno provato a misurare le concentrazioni di orexina-A, un ormone secreto dall’'ipotalamo coinvolto nella induzione della veglia e dell’'appetito, nel liquido cefalorachidiano (il fluido che protegge il cervello ed il midollo spinale nel sistema nervoso centrale) in 19 pazienti affetti da malattia di Parkinson ed hanno confrontato i risultati con quelli ottenuti in pazienti di controllo senza la malattia. I livelli di orexina-A erano più bassi nei pazienti parkinsoniani e l’entità della riduzione era correlata alla gravità della malattia. Gli autori hanno avanzato l’'ipotesi che i neuroni ipotalamici che secernono orexina-A potrebbero contribuire alla sonnolenza diurna osservata nella malattia di Parkinson.

Fonte: Drouot et al Neurology 2003; 61: 540-543

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !