Menu

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Puoi cliccare su “Approvo tutti” per accettare tutte le categorie di cookie oppure rifiutare i cookie e continuare a navigare, saranno installati solo cookie tecnici. Per saperne di piu'

Declino Approvo tutti

Informativa sull'uso dei cookie

  •  

    PREMESSE

    I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente. La legge afferma che si possono memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

    Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocati da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine. Per modificare o revocare il proprio consenso per l'utilizzo dei cookie sul nostro sito web, cliccare qui.

    L'informativa completa sulla privacy si trova alla pagina Privacy policy

    L’informativa è resa solo per il sito www.parkinson.it della Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

     

  • COOKIE NECESSARI

    I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie. Sono altresì definiti come cookie tecnici.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

PHPSESSID

parkinson.it

Preserva gli stati dell'utente nelle diverse pagine del sito.

Sessione

HTTP

cookieconsent

parkinson.it

Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente

1 anno

HTTP

cookieconsent_p

parkinson.it

Consenso ai cookie di preferenze

1 anno

HTTP

cookieconsent_s

parkinson.it

Consenso ai cookie di statistiche

1 anno

HTTP

cookieconsent_m

parkinson.it

Consenso ai cookie di profilazione

1 anno

HTTP

nrid

parkinson.it

Codice univoco del visitatore per visualizzare i banner di annunci

3 mesi

HTTP

engagebox_ID

parkinson.it

Usato per decidere se il banner ID è stato chiuso e deve rimanere chiuso

3 mesi

HTTP

SSID, SID, SAPISID, NID, HSID, APISID

Google

Cookie utilizzati da Google Maps che sono necessari per il funzionamento delle mappe dinamiche. Il contenuto e la loro creazione non sono direttamente controllabili poiché generati automaticamente all'inclusione della mappa dinamica.

Sessione

HTTP

 

COOKIE DI PREFERENZE

Sono cookie utilizzati per modificare l'aspetto del sito o il comportamento: sono impostazioni non strettamente necessarie al corretto utilizzo.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

lang

LinkedIn

Determina la lingua scelta del sito

Sessione

HTTP

NID

Google

Contiene un ID univoco che Google utilizza per ricordare le tue preferenze e altre informazioni, come la tua lingua preferita (es. italiano), quanti risultati di ricerca desideri visualizzare per pagina (es. 10 o 20) e se desideri che il filtro SafeSearch di Google sia attivato.

6 mesi

HTTP

1P_JAR

Google

Memorizza le preferenze di Google Maps e le informazioni dell’utente ogni volta che visita pagine web contenenti servizi di Google

1 mese

HTTP

 

  •  

    COOKIE STATISTICI

    Questi cookie aiutano a capire come i visitatori interagiscono sul sito web, aggregando i dati di navigazione in forma anonima.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

ln_or

LinkedIn

Registra dati statistici sul comportamento dei utenti sul sito web. Questi vengono utilizzati per l'analisi interna dall'operatore del sito.

1 giorno

HTTP

PageViewCount

Google

Questo cookie viene utilizzato per identificare la frequenza delle visite e il tempo di permanenza sul sito. Il cookie viene anche utilizzato per determinare quante e quali sottopagine vengono visualizzate dal visitatore del sito; queste informazioni possono essere utilizzate dal sito per ottimizzare il dominio e le relative sottopagine.

1 giorno

HTTP

TimeOnSite

Google

Memorizza i dati sul tempo trascorso sul sito web e le relative sottopagine durante la sessione corrente.

1 giorno

HTTP

collect

Google

Utilizzato per inviare dati a Google Analytics in merito al dispositivo e al comportamento dell'utente. Tiene traccia dell'utente su dispositivi e canali di marketing.

Session

Pixel

AnalyticsSyncHistory

LinkedIn

Utilizzato nel contesto della sincronizzazione dei dati con il servizio di analisi di terze parti.

29 giorni

HTTP

_ga

Google

Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.

2 anni

HTTP

_gat

Google

Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste

1 giorno

HTTP

_gid

Google

Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.

1 giorno

HTTP

_ga_#

Google

Utilizzato da Google Analytics per raccogliere dati sul numero di volte che un utente ha visitato il sito internet, oltre che le dati per la prima visita e la visita più recente.

2 anni

HTTP

OTZ

Google

Viene utilizzato da Google Analytics per tenere traccia delle informazioni sul traffico al sito Web

Sessione

HTTP

ANID, SIDCC, _Secure-APISID, _Secure-HSID, _Secure-SSID, SEARCH_SAMESITE, __Secure-3PAPISID, __Secure-3PSID

Google

Cookie utilizzati per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito da parte dei visitatori ogni volta che vengono visitate pagine web contenenti servizi di Google.

2 anni

HTTP

_cksk

Microsoft

Utilizzato da Microsoft Clarity per combinare le pagine viste da un utente in una singola sessione

1 giorno

HTTP

 

  •  

    COOKIE DI PROFILAZIONE

    I cookie di profilazione vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente. Di norma utilizziamo servizi di terze parti forniti da Google, Meta (Facebook), Microsoft e LinkedIn per i quali si rimanda alla rispettiva informativa.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

_uetsid

Microsoft

Utilizzato per tracciare i visitatori su più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari pertinenti in base alle preferenze del visitatore. Utilizzato dal motore di ricerca bing.com

Persistente

HTML

_uetsid_exp

Microsoft

Contiene la data di scadenza del cookie con il nome corrispondente. 

Persistente

HTML

_uetvid

Microsoft

Utilizzato per tracciare i visitatori su più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari pertinenti in base alle preferenze del visitatore.

Persistente

HTML

_uetvid_exp

Microsoft

Contiene la data di scadenza del cookie con il nome corrispondente. 

Persistente

HTML

MUID/CLID

Microsoft

Utilizzato ampiamente da Microsoft come ID utente univoco. Il cookie consente il tracciamento dell'utente tramite la sincronizzazione dell'ID sui vari domini di Microsoft.

1 anno

HTTP

_clck

Microsoft

Memorizza un unico ID utente per Microsoft Clarity

1 anno

HTTP

__exponea_last_session_ping_timestamp__ 

Google

Questo cookie viene utilizzato per determinare quali prodotti il ​​visitatore ha visualizzato. Queste informazioni vengono utilizzate per promuovere prodotti correlati e ottimizzare l'efficienza pubblicitaria.

Persistente

HTML

__exponea_last_session_start_timestamp__ 

Google

Questo cookie viene utilizzato per determinare quali prodotti il ​​visitatore ha visualizzato. Queste informazioni vengono utilizzate per promuovere prodotti correlati e ottimizzare l'efficienza pubblicitaria.

Persistente

HTML

IDE

Google

Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente.

1 anno

HTTP

pagead/landing

Google

Raccoglie dati sul comportamento dei visitatori da più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari più pertinenti. Ciò consente inoltre al sito web di limitare il numero di volte che un visitatore viene mostrato lo stesso annuncio.

Sessione

Pixel

xnpe_#-#-#-#-# 

Google

Questo cookie registra dati sul visitatore. Le informazioni vengono utilizzate per ottimizzare la pertinenza dell'annuncio.

399 giorni

HTTP

fr

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.

3 mesi

HTTP

tr

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.

Sessione

Pixel

fbsr_

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per recuperare l'identificativo dell'applicazione utilizzata

Sessione

HTTP

ads/ga-audiences

Google

Usato da Google AdWords per reingaggiare visitatori propensi a convertirsi in clienti basandosi sul comportamento online in diversi siti.

Sessione

Pixel

pagead/1p-user-list/#

Google

Monitora se l'utente ha mostrato interesse per specifici prodotti o eventi su più siti web e rileva come l'utente naviga tra i siti. Viene usato per valutare le attività pubblicitarie e facilita il pagamento delle commissioni per il reindirizzamento tra i siti.

Sessione

Pixel

bcookie

LinkedIn

Utilizzato dal servizio di social network LinkedIn per tracciare l'utilizzo di servizi integrati.

1 anno

HTTP

bscookie

LinkedIn

Utilizzato dal servizio di social network LinkedIn per tracciare l'utilizzo di servizi integrati.

1 anno

HTTP

li_sugr

LinkedIn

Raccoglie dati sul comportamento e l'interazione degli utenti, per ottimizzare il sito e rendere più rilevante la pubblicità mostrata.

3 mesi

HTTP

lidc

LinkedIn

Utilizzato dal servizio di social network LinkedIn per tracciare l'utilizzo di servizi integrati.

1 giorno

HTTP

UserMatchHistory

LinkedIn

Garantisce la sicurezza della navigazione per il visitatore, impedendo la falsificazione di richieste incrociate. Questo cookie è essenziale per la sicurezza del sito e del visitatore. 

29 giorni

HTTP

_fbp

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.

3 mesi

HTTP

_gcl_au 

Google

Utilizzato da Google AdSense per sperimentare l'efficacia pubblicitaria su tutti i siti web che utilizzano i loro servizi.

3 mesi

HTTP

_uetsid

Microsoft

Raccoglie dati sul comportamento dei visitatori da più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari più pertinenti. Ciò consente inoltre al sito web di limitare il numero di volte che un visitatore viene mostrato lo stesso annuncio.

1 giorno

HTTP

_uetvid

Microsoft

Utilizzato per tracciare i visitatori su più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari pertinenti in base alle preferenze del visitatore.

1 anno

HTTP

A3

Yahoo

Raccoglie informazioni sul comportamento degli utenti su più siti web. Questa informazione è utilizzata al fine di ottimizzare la rilevanza della pubblicità.

1 anno

HTTP

DEVICE_INFO

YouTube

Informazioni sul dispositivo utente per ottimizzare il video

179 giorni

HTTP

VISITOR_INFO1_LIVE

YouTube

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati.

179 giorni

HTTP

YSC

YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente.

Sessione

HTTP

ytidb::LAST_RESULT_ENTRY_KEY

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Persistente

HTML

yt-remote-cast-available

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-cast-installed

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-connected-devices

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Persistente

HTML

yt-remote-device-id

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Persistente

HTML

yt-remote-fast-check-period

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-session-app

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-session-name

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

 

itenfrdees

Dopo la diagnosi di Parkinson, un figlio

di Jennifer Susan Hartwig

articolo pubblicato sulla rivista ParkinsoNews n.3, Giugno 2005


Con una figuretta minuta, abbigliamento giovane e sportivo ed un viso sereno, Luisa è l'immagine della giovane mamma felice alla guida della carrozzi­na di Giorgio (questo nome è di fantasia), un bel bambino biondo e paffuto. Eppure Luisa ha il Parkinson. Si presenta all'intervista assieme alla sorella mi­nore, che è una zia molto sollecita.

 


Dopo questo triste periodo dedicato all’ assistenza dei suoi familiari avrà voluto vivere una vita propria. Che cosa ha fatto prima che comparisse la malattia di Parkinson?

Vedo che siete una famiglia molto unita. Mi racconti qualcosa della sua famiglia di origine.E’ vero, sono nata da una famiglia molto unita. Sono nata a Napoli da madre napoletana e padre lodigiano, ma la famiglia si è trasferita quasi subi­to nei pressi di Lodi dove sono cresciuta e vivo tut­tora. Abito vicino a mia sorella, che è sposata ed ha due figli; siamo molto legate. Gli stretti legami familiari hanno reso molto diffici­le la perdita prematura dei miei genitori. Mia madre si è ammalata di cancro quando avevo 20 anni e poco dopo si è ammalato anche mio pa­dre, che è rimasto paralizzato dopo un ictus. Mi sono dedicata a loro fino alla loro scomparsa. Prima ho perso mia madre, poi mio padre poco dopo i trent’anni.
 

Avevo preso un diploma come perito turistico, ma poi ho deciso di lavorare come assistente dentale. Purtroppo a 32 anni sono caduta in casa ed ho subi­to un grave trauma alla colonna vertebrale. Ho dovu­to affrontare un delicato intervento chirurgico. Un paio di anni dopo, ho accompagnato i miei nipotini ad una lezione di equitazione ed un cavallo mi ha dato un cal­cio che mi ha fatto fare un volo di 5 metri. Risultato: frattura del bacino e lesioni multiple.
 

Due incidenti gravi e poi la malattia di Parkinson. E pensare che molte persone si ritengono molto sfortunate per molto meno … Come si è manifestata la ma­lattia e come si è giunti alla diagnosi?

Pochi mesi dopo il secondo incidente ho constata­to per la prima volta di non poter muovere la ma­no sinistra normalmente. Inizialmente i medici hanno attribuito i sintomi ai traumi subiti, successivamente ad uno stato depressivo. Ho intrapreso una cura farmacologica per la depressione, ma non miglioravo. Un giorno, nel 2002, sono andata da una neurologa presso l’ospedale di Lodi per va­lutare l’opportunità di un cambiamento della tera­pia antidepressiva. La dottoressa mi ha osserva­to e mi ha chiesto se ero sempre stata così im­pacciata nei movimenti. Ha studiato il mio caso e poi è giunta ad una conclusione importante: non serviva una terapia antidepressiva, ma una terapia contro il Parkinson.

 

Interviene la sorella

E’ stata una diagnosi devastante. La neurologa l'ha detto prima a me e non sapevo come comportarmi.

 

Riprende Luisa

In realtà la diagnosi ha dato una svolta alla mia vi¬ta. Un dopamino agonista mi ha restituito una mobilità normale ed ho potuto finalmente vivere una vita normale. Lavorare a tempo pieno, avere una vita sociale come tutti gli altri. E’ stato in questo periodo che ho incontrato il padre del mio bambino.

 

­La diagnosi di Parkinson le ha ridato una vita normale.Tuttavia, non deve essere stato facile dire al suo compagno che era malata.

E’ vero, un primo ragazzo con cui stavo mi ha la­sciato appena saputo della mia malattia. Ma ora non è così, il mio nuovo compagno ha accettato subito la mia malattia. Durante la gravidanza, ci ha anche scherzato sopra, chiamando i movimenti in­volontari delle dita dei piedi il mio “ballo del qua qua!”. E’ molto presente e mi aiuta molto.

 

Dunque, ha iniziato la gravidanza dopo la diagnosi di Parkinson. Quando l’ha saputo e cosa ha pensato quando il test è risulta­to positivo ?

Era nel mese di Dicembre 2003. Mi sono posta tante domande. La più importante era: sarà un figlio sano e normale?

 

Cosa ha deciso di fare ?

Prima mi sono rivolta alla Clinica Ginecologica Mangiagalli a Milano e mi hanno offerto l’aborto te­rapeutico. Tuttavia, io volevo il bambino, a condi­zione che fosse sano e normale. Per questo moti­vo ho programmato una villocentesi al terzo mese. Poi ho cercato un esperto parkinsonologo che mi potesse dire quali erano gli effetti della malattia sulla gravidanza e sul bambino. Dopo la diagnosi di Parkinson mi ero iscritta all’AIP, Associazione Italiana Parkinsoniani.Sapevo che c’era un centro con molta esperienza sulla malattia a Milano e mi sono rivolta lì, dove il Prof. Pezzoli mi ha rassicu­rato, spiegandomi che ce la potevo fare, anche se a costo di alcuni sacrifici. Pezzoli ed i suoi collabo­ratori mi hanno seguito passo passo, anche telefoni­camente.

 

E come è stata la gravidanza ?

L’inizio è stato il periodo peggiore, perché ho do­vuto sospendere la terapia per i primi 3 mesi, af­finché i farmaci non facessero male al bambino. Ero rigida come un baccalà ! Ho avuto bisogno di una assistenza domiciliare, perché non ero più in gra­do di accudire a me stessa e questo è stato molto duro. Anche dopo ho avuto problemi, perché potevo prendere solo la levodopa, che non mi dava lo stesso beneficio della terapia anche con dopami­no-agonista e che causava alcuni movimenti invo­lontari, tipo… il ballo del qua qua !

 

Ballo del qua qua durante la gravidanza. Che atteggiamento originale e positivo di fronte ai movimenti involontari ! Ed il parto come è andato ?

Vi era il rischio che fossi troppo rigida durante il parto naturale e si è deciso di eseguire un taglio cesareo. L’intervento è stato programmato 3 settimane pri­ma della data teorica del parto. Un intervento con anestesia non è mai una passeggiata per un pa­ziente parkinsoniano e dopo mi sono sentita male, ma poi mi sono ripresa e mi hanno dimesso dopo 4 giorni.

 

Ha potuto allattare ?

Purtroppo no. Mentre era nell’utero il bambino era protetto dalla placenta, che impediva alla levodo­pa di arrivare sino a lui, ma ora la riceverebbe nel latte, perché la levodopa passa nel latte materno.

 

Accudire un bambino è un impegno. Come se la cava ?

Bene, anche perché mio figlio ha già capito che la mamma ha qualche problemino e collabora. Al mattino sono un po’ rigida e lui ha capito che deve stare buono, finchè io non mi riprendo. Ma la Fondazione Grigioni aiuta me ed il mio bambino tangibilmente.

 

Ho lasciato le domande più importanti alla fine: cosa consiglia ad una parkinsoniana come lei che è rimasta incinta ? Se potesse tornare indietro, lo rifarebbe ?

Sì, lo rifarei. Il mio consiglio è di tentare, se sente di farcela. Oggi ci sono i mezzi per sapere se il bambino sarà sano. Se gli esami sono buoni, vi sono dei sacrifici da fare, ma ne vale la pena. Prima vivevo alla giornata. Ora la mia vita ha uno scopo ed affronto la malattia e la vita con molta più decisione e… sto meglio di prima !
Con tanti amici che mi vogliono bene, il mio com­pagno e il mio bambino naturalmente.

J.H.
 
 
 
 
Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson