Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

Sulla via di Santiago de Compostela

Santiago, bellissima città del nord-ovest della Spagna, capoluogo della Galizia, si trova da tempo al centro della attenzione del mondo della cristianità per i continui pellegrinaggi da parte di gente comune proveniente da ogni parte del mondo (Europa, Americhe, Australia,  Nuova Zelanda). Santiago, infatti, è la città nella cui Cattedrale riposano le spoglie di San Giacomo (traduzione italiana di Santiago), uno degli apostoli di Gesù; di conseguenza, fin dal Medio Evo, tantissimi pellegrini percorrevano gli attuali itinerari per rendergli omaggio.

sulla via di Santiago de CompostelaVisto il fascino particolare di questi viaggi, dopo essermi documentato opportunamente, ho deciso, zaino in spalla, di partire, accompagnato dallo scetticismo dei familiari e dei colleghi di lavoro, verso quella che è stata un'esperienza notevole e bellissima, e nello stesso tempo un atto di fede ed una sfida con me stesso, un'esperienza che ha cambiato radicalmente il mio modo di pensare, di agire e, per meglio dire, la mia vita stessa.

Perché ho parlato di sfida e di tanto scetticismo intorno a me? Il motivo è semplice; alcuni anni fa (2005), poco prima di partire, mi è stata diagnosticata la Malattia di Parkinson e il mondo mi è crollato addosso; hanno trovato spiegazione in quel momento segni clinici, quali rallentamento motorio con passi corti e strascicati, modico tremore muscolare e marcia con braccia distese in avanti come per mantenere l’equilibrio. Visto che si tratta di una malattia progressiva, inizialmente ho pensato che non sarei più riuscito a fare nulla. Invece, anche nelle situazioni peggiori, c’è necessità di lottare e di non arrendersi alle prime avversità. Una buona attività fisica (jogging, streching o altre discipline di movimento) non nuoce al malato parkinsoniano, anzi, essa è più che necessaria per vincere la rigidità muscolare, tipica della malattia. Per cui, si è rafforzata, dentro di me, l'idea di partire alla volta di Santiago, e, armato di zaino e buona volontà, ho deciso di percorrere il cammino cosiddetto francese, il più classico, oltre che il più conosciuto. roncisvalleEsso è la risultante di un incrocio di due cammini (Roncisvalle e Samport) a livello della cittadina navarra di Puente de la Reina e che da lì prende appunto il nome di “cammino francese”. Si parte dal passo di Roncisvalle e dopo una marcia di circa 800 km, si arriva a Santiago. Il cammino, nella sua fase iniziale, alterna zone pianeggianti ad altre più impegnative, quest'ultime chiamate rompipiernas (spacca gambe). In una giornata si marcia anche per 5–6 ore, alla media di circa 4 km/ora; talvolta si arrivano a percorrere anche oltre 30 km in una giornata.

Alcuni tratti mostrano asperità intense che mettono a dura prova la resistenza e la volontà del pellegrino; altri sono più agevoli e permettono momenti brevi di riposo.

Fin dall'inizio mi sono reso conto di come il cammino sia uno sforzo fisico di una certa levatura, ma, cosa più importante, sia un tipo di “sacrificio” che ha permesso di interrogarmi dentro, alla ricerca del mio mondo interiore e della mia anima; contemporaneamente, esso mi ha permesso una analisi dell'amicizia, della solidarietà, dell'altruismo, per comprenderne il senso più profondo.

Lungo il percorso, infatti, ho trovato, spesso, spazio per intensi momenti di spiritualità. Nel piccolo paese di Granon, per esempio, l'accoglienza da parte del parroco è stata semplicemente straordinaria, così come l'interazione con gentili e cordiali hospitaleros. Nel rifugio, nel campanile quasi millenario (!) della chiesa, su materassini di gomma piuma, ho avuto il privilegio di condividere momenti conviviali di preghiera e riflessione, che hanno reso la serata trascorsa lì un'esperienza straordinaria e significativa.

Arrivati a quasi metà del cammino ho visitato poi la città più affascinante, Burgos, con una splendida cattedrale. Da qui ho attraversato poi le mesetas (tavoliere, in italiano), vasti paesaggi pianeggianti e omogenei che sono un po’ croce e delizia del pellegrino. Le mesetas hanno esercitato su di me un fascino particolare; attraversarle è stata un'emozione incredibile e una suggestione unica. Mi sono ricordato di un verso di Virgilo (Eneide 1° libro), in cui la nave che porta l'eroe troiano in Italia, affonda e rimangono rari nantes in gurgite vasto; pochi esseri che nuotano disperatamente, circondati dalla vastità dell'oceano. Enea e i pochi compagni rimasti sono solo dei puntini insignificanti nell'immensità dell'universo, ma ne fanno parte. Ciò è un mezzo per avvertire la presenza di Dio; noi siamo solo dei minuscoli esseri nella grandezza del creato.

Infine sono arrivati i boschi della Galizia con i suoi alberi centenari ed eucalipti altissimi: il preludio all'arrivo a Santiago. cippo per santiago de compostelaLa mia marcia fino a lì è stata regolare, e questo mi ha reso particolarmente lieto, perchè mi sono reso conto come l'allenamento fatto in previsione del viaggio mi sia stato decisamente utile.

Si entra a Santiago dal monte Gozo, che significa gioia, gioia reale che si prova a vedere le guglie della cattedrale da una zona del monte. Emotivamente ho sentito molto l'avvicinarsi della meta: l'emozione è stata cosi forte che è risultato impossibile dormire, o semplicemente riposare durante la notte che ha preceduto l'arrivo in città. Se ognuno che decide di intraprendere il Camino ha una propria storia da raccontare e un diverso vissuto, per ciascuno il viaggio è risultato una scoperta di noi stessi, di rinnovamento spirituale alla ricerca  di nuove aspirazioni e nuove emozioni. Un viaggio bellissimo, particolare, e unico dentro la propria spiritualità, alla ricerca della propria anima. Esperienza che induce a riproporsi visto il valore interiore che genera in noi stessi; una “pulizia” dell'anima, cui spesso si sente la necessità. È come un richiamo interiore, forte ed intenso dal quale non si può prescindere.

Ho ancora tanta emozione a ricordare l'arrivo a Santiago, dopo circa un mese di cammino in cui ho alternato fatica e tribolazioni, a momenti di fiducia ed entusiasmo.

A Santiago ho ricevuto la Compostela, ovvero l'attestato di avvenuto pellegrinaggio. Questa la considero come un attestato di vittoria: vittoria della volontà e della determinazione, ma soprattutto la vittoria del cuore, di chi ha desiderato a lungo quel momento.

La soddisfazione e la gioia che mi hanno portato questo viaggio, hanno fatto sì che ripercorressi il pellegrinaggio verso Santiago per altri due anni tornando a casa, ogni volta, arricchito spiritualmente, e, al tempo stesso, soddisfatto di me stesso.

 

Conclusioni:  Il Cammino di Santiago è molto frequentato. Posso dire che è una esperienza unica ed affascinante, da vivere interamente si viene a contatto con un nuovo paese, con la sua cultura e le sue tradizioni. C'è la possibilità di poter imparare o perfezionare lingue straniere oltre a quella del paese che ci ospita; c'è la possibilità di fare volontariato (es. Hospitaleros) e, di conseguenza, rendersi utili. Il cammino è, in conclusione, un mezzo per rivalutare la nostra vita, ad avere più fiducia in noi stessi, ricercare ciò che si pensa di aver perduto.

arrivo a santiagoÈ la ricerca di spiritualità il motivo principale per cui un pellegrino inizia il suo viaggio; molti si portano dietro l'angoscia, l'impotenza, vari malesseri, legami affettivi, per non parlare di episodi depressivi; ma quando si decide di partire si parte, cercando di lasciare dietro di sè tutti i problemi più o meno nascosti. La preghiera e la fede sono armi affilate per vincere quello che di negativo è dentro di noi. Consiglio di partire soli; la solitudine lascia spazio libero alle riflessioni e a considerazioni sui nostri guai interiori.

 

Franco Fiasella