fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

La reboxetina per la depressione nei pazienti parkinsoniani

Una molecola efficacie che non peggiora i sintomi motori

Gli antidepressivi triciclici e gli inibitori del reuptake della serotonina possono avere effetti negativi sulle funzioni cognitive e sulla funzione motoria nel paziente parkinsoniano. La reboxetina è un farmaco nuovo che aumenta la concentrazione della noradrenalina nei neuroni. Nelle sperimentazioni cliniche è stato rilevato che esplica effetti specifici sulla motivazione senza avere effetti negativi importanti sulla funzione psicomotoria e sulla funzione cognitiva. Sedici pazienti parkinsoniani affetti da depressione sono stati trattati con reboxetina in uno studio prospettico in aperto. Dopo 4 settimane di trattamento è stato rilevato un miglioramento del punteggio relativo alla depressione usando 3 scale di valutazione diverse. Effetti collaterali transitori sono stati rilevati in 7 pazienti ed un soggetto ha interrotto la terapia a causa di sintomi psicotici. Non sono state osservate variazioni della sintomatologia parkinsoniana a carico della funzione motoria o del dosaggio di levodopa.

Lemke MR J Clin Psychiatry 2002; 63: 300-304

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !