fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Scaturite da notte brava con l’Ecstasy nuove prospettive per la terapia della malattia di Parkinson?

La droga restituisce a parkinsoniano ex-acrobata le sue capacità. La Università di Manchester indaga.

LA BBC ha recentemente mandato in onda una documentazione filmata delle capriole che un ex-acrobata ed ex-controfigura in film famosi quali Braveheart e Frankenstein riesce a fare dopo avere ingerito una compressa di Ecstasy, nonostante la malattia di Parkinson di cui è affetto. L’ex-acrobata ha fatto questa scoperta per caso durante una notte al night con gli amici e lo ha comunicato ad una giornalista che effettuava delle ricerche sulla malattia. L’efficacia della droga è stata documentata mediante tecniche di neuroimmagini alla Università di Manchester.
I ricercatori sono sorpresi, perché l’Ecstasy è una droga che appartiene al gruppo delle anfetamine ed incrementa i livelli di serotonina, un neurotrasmettitore connesso alle emozioni e non alla funzione motoria, come la dopamina, la cui produzione è ridotta nella malattia di Parkinson.
I ricercatori della Università di Manchester stanno ora cercando di identificare una componente dell’Ecstasy che mantenga l’effetto sulla funzione motoria senza gli effetti dannosi della droga, che altera la percezione e provoca vuoti di memoria e depressione.

Margolis J Time 18 Feb 2001

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !