fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Autotrapianto di cellule del glomo carotideo nel Parkinson.

Può indurre effetti clinici nei pazienti con stadio avanzato di malattia.

Il glomo carotideo è una piccola struttura situata presso la biforcazione delle carotidi, sensibile alle variazioni di ossigeno e CO2 nel sangue arterioso. Contiene cellule dopaminergiche che esprimono anche il GDNF, fattore neurotrofico derivato dalle cellule gliali.
Tredici pazienti con Parkinson avanzato sono stati sottoposti a trapianto bilaterale nello striato con cellule tratte dal glomo carotideo del paziente stesso. I risultati sono stati valutati da un osservatore inconsapevole.
In 10 pazienti si sono osservati miglioramenti clinici che hanno raggiunto il massimo 6-12 mesi dopo il trapianto. In 3 su 6 pazienti il beneficio si manteneva anche a distanza di 3 anni. Gli autori dello studio ritengono che il risultato favorevole sia in parte correlato con le propieta biologiche delle cellule trapiantate.

Minguez-Castellanos A et al - J Neurol Neurosurg Psychiatry - 2007 Jan 12 (E-pub

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !