fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Stimolazione del midollo spinale contro il dolore nel Parkinson

Studio preliminare in 15 pazienti

La stimolazione cerebrale profonda, detta DBS dall’inglese “Deep brain Stimulation”, è una terapia chirurgica ormai consolidata, che consiste nell’impianto di elettrodi nel cervello per la generazione di impulsi elettrici che vanno a normalizzare circuiti nervosi cerebrali danneggiati nella malattia di Parkinson. È ampiamente dimostrato che permette di controllare molti, ma non tutti i sintomi motori.

Ora è stata messa a punto la stimolazione del midollo spinale detta SCS dall’inglese Spinal Cord Stimulation, che consiste nell’impianto di elettrodi a livello del midollo spinale, situato all’interno della colonna vertebrale della schiena. L’accesso è molto più facile e dovrebbe essere una terapia più sicura della DBS, ma mancano evidenze sulla sua efficacia.

Per valutare l’efficacia della SCS è stato effettuato uno studio preliminare in 15 pazienti parkinsoniani , a cui sono stati impiantati elettrodi attraverso la pelle vicino alla colonna vertebrale. Il paziente poteva scegliere tra tre tipi di stimolazione: continua, a scariche intermittenti o a scariche continue, ma di intensità variabile. La maggior parte dei partecipanti ha scelto una delle ultime due opzioni.

Tutti i partecipanti hanno presentato un miglioramento significativo del dolore misurato su scala VAS (in media -59%). I pazienti che hanno scelto la stimolazione intermittente hanno presentato in media un miglioramento del 67%, in quelli che hanno ricevuto una stimolazione di intensità variabile il miglioramento è stato mediamente pari a -48%.

Per quanto riguarda la funzionalità motoria, il 64% dei pazienti ha presentato un miglioramento significativo della prova TUG (tempo impiegato per alzarsi da una sedia, percorrere 3 metri, girarsi e tornare a sedersi); il miglioramento medio era pari a -21%. Inoltre, il 73% dei pazienti ha presentato un miglioramento del tempo in cui riuscivano a percorrere 10 metri (in media -12%).

Secondo gli autori, i risultati documentano una netta efficacia nel controllo del dolore nella malattia di Parkinson, mentre non è chiaro se il miglioramento della funzionalità motoria è diretto oppure solo dovuta alla riduzione del dolore. Sono comunque necessari ulteriori studi in numeri più elevati di pazienti per documentare l’efficacia e la sicurezza di questa nuova modalità terapeutica.

Fonte: Chakravarthy KV e coll Bioelectron Med 2020; 6: 18.

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !