fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Difficoltà nel riconoscere le emozioni sui visi altrui

mascheraCorrelazione con la inespressività del proprio viso

È noto che i pazienti parkinsoniani presentano una compromissione della espressività del viso a causa della scarsa mobilità dei muscoli facciali.

Ricercatori italiani presso centri italiani e stranieri hanno sottoposto 20 pazienti affetti da malattia di Parkinson non dementi e non depressi e 20 volontari sani di pari età e sesso al test di Ekman, che consiste nel riconoscere le 6 emozioni primarie (felicità, tristezza, sorpresa, disgusto, paura e rabbia) su 60 visi. Poi hanno chiesto loro di rappresentare attivamente queste emozioni sul proprio viso e li hanno filmati. I film sono stati poi esaminati ed i fotogrammi più espressivi sono stati selezionati e sottoposti al giudizio di altri soggetti, che dovevano riconoscere le 6 emozioni primarie assieme al livello di certezza che avevano nel dare il loro giudizio.

I pazienti parkinsoniani non solo sono stati meno capaci di esprimere le emozioni (soprattutto la felicità, la tristezza e la rabbia), ma hanno avuto significativamente più difficoltà a riconoscere le emozioni sui visi del test di Ekman. Vi era una correlazione altamente significativa tra la capacità di esprimere le emozioni e la capacità di riconoscerle.

Fonte: Ricciardi L e coll PLoS One online 9 gennaio 2017

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !