fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

L'avvio del cammino è dopamino dipendente

Chiarita la natura di un fattore di rischio per caduta

E’ noto che i pazienti parkinsoniani sono ad alto rischio di caduta, un evento frequente che compromette la qualità di vita e li espone a conseguenze anche gravi, come fratture, allettamento, perdita di autonomia, ecc. Uno dei fattori che contribuisce al rischio è l’instabilità posturale al momento dell’avvio del cammino, dovuta alla difficoltà di eseguire aggiustamenti della postura in preparazione per i cambiamenti della posizione del corpo che comporta il cammino. Finora questo fattore non era stato studiato approfonditamente e non si sapeva se era dovuto alla carenza di dopamina oppure no e se differisce in base alle caratteristiche antropometriche (altezza, peso, corporatura).

In questo studio sono stati presi in esame 26 pazienti parkinsoniani in grado di avviare il cammino senza assistenza e senza fluttuazioni motorie o freezing della marcia, e 27 controlli sani di pari età. Tutti i soggetti sono stati valutati al mattino senza assunzione di farmaci al risveglio. Un sottogruppo di 13 pazienti è stato valutato anche 1 ora dopo l’assunzione di un preparato di levodopa/benserazide a rapido rilascio.

Ai pazienti è stato chiesto di iniziare a camminare mentre venivano registrati numerosi parametri nel Laboratorio per l’analisi elettronica del cammino, nonché di sottoporsi alla raccolta di immagini del cervello tramite FP-CIT e SPECT DATScan.

Sono stati individuati numerosi parametri relativi all’avvio del cammino che differivano notevolmente tra pazienti parkinsoniani e soggetti sani, quali riduzione della lunghezza e velocità del passo, nonché riduzione della velocità di spostamento del centro per l’equilibrio. L’entità delle alterazioni era proporzionale alla quantità di neuroni dopaminergici rimanenti e le alterazioni sono state migliorate dall’assunzione di levodopa. I risultati non sono stati influenzati dai parametri antropometrici.

Lo studio fa parte di una linea di ricerca sponsorizzata dalla Fondazione Grigioni e finalizzata allo studio dei problemi di equilibrio e cammino nella malattia di Parkinson, ed in particolare alla prevenzione delle cadute .

Fonte: Palmisano C e coll   Frontiers in Bioengineering and Biotechnology anno 2020 vol 8: pagine articolo 137

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !