fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Sintomi non motori ed indici di infiammazione

Correlazioni che suggeriscono l'uso di anti-infiammatori

Ricercatori svedesi hanno confrontato i livelli nel sangue di una serie di indici di infiammazione (proteina C reattiva, interleukina IL-6, recettore IL-2 solubile sIL-2R e il fattore di necrosi tumorale alfa TNF-alfa) in 86 pazienti parkinsoniani (durata media di malattia 6,9 anni) e 40 soggetti sani senza alcuna patologia infiammatoria e non in trattamento con anti-infiammatori o corticosteroidi. Sono stati somministrati a tutti i partecipanti una serie di questionari per stabilire la eventuale presenza e gravità di affaticamento /FACIT), depressione ed ansia (HAD) e disturbi del sonno (SCOPA-S).

E’ stato verificato che i livelli di IL-6 erano significativamente più elevati nei pazienti rispetto ai soggetti sani. Come atteso, i pazienti erano significativamente più depressi, ansiosi ed affaticati dei soggetti sani. I valori di TNF-alfa e sIL-2R erano significativamente associati alla gravità dell’affaticamento, della depressione e dell’ansia. Era addirittura possibile predire i punteggi di gravità dei sintomi in base ai livelli di questi indici di infiammazione.

I ricercatori suggeriscono che processi infiammatori potrebbero essere alla base della sintomatologia parkinsoniana non motoria. Vale la pena continuare gli studi per valutare la messa a punto di terapie anti-infiammatorie per il controllo della sintomatologia parkinsoniana non motoria

Fonte. Lindquist e coll PLOs one 2012; 7: e47387 online 17 ottobre

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !