fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Bassi livelli di acido urico aumentano il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson

I risultati di uno studio in 18000 uomini

Si ritiene che lo stress ossidativo abbia un ruolo nello sviluppo della malattia di Parkinson. Sono stati misurati i livelli di acido urico, un potente antiossidante, nei 18000 participanti, tutti di sesso maschile, allo studio Health Professionals Follow-up (monitoraggio nel tempo di operatori sanitari). I livelli medi di acido urico nei 84 soggetti che hanno sviluppato malattia di Parkinson, come atteso, erano significativamente inferiori a quelli nei soggetti che non lo hanno sviluppato (5.7 mg/dl rispetto a 6.1 mg/dl p=0.01). E’ improbabile che si possa ricorrere a misure che aumentano la uricemia come terapia per la malattia di Parkinson, perché livelli elevati di acido urico sono associati ad un aumento della mortalità, effetti negativi sull’apparato cardiovascolare e sul rene, nonché alla tendenza di sviluppare la gotta. Tuttavia, potrebbe essere usato come un indice del rischio di sviluppare la malattia. Tuttavia, prima è importante confermare questo risultato anche nelle donne

Weisskopf e coll Am J Epidemiol 2007 June 20

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !