fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Sogni vividi

quadro4 smallSu Lancet Neurology, una importante rivista scientifica, si parla di arte e Parkinson.

L'autore, Jules Morgan, afferma che l'arte è soggettiva, sia nella sua creazione che nella critica. La ami o la odi, e quando l'arte provoca una reazione diventa significativa.
L'arte ha un proprio linguaggio: emozionale o concettuale. Ma soprattutto l'arte può comunicare un modo di vedere il mondo e se stessi.
L'articolo presenta al pubblico scientifico VIVID Dreams, una esposizione d'arte che a Londra, nell'agosto 2021, ha messo in mostra la genialità creativa dei pazienti con Parkinson. L'obiettivo della mostra era quello di aumentare la consapevolezza sulla malattia e sulla importanza della ricerca.
Segnaliamo questo articolo perché quotidianamente apprezziamo la creatività di tanti nostri pazienti che ci inviano le immagini delle loro opere.

È ormai da tempo noto che molti pazienti sentono il bisogno di creare ed intraprendono attività artistiche dopo essersi ammalati. Anche il nostro gruppo nel 2011 (*) si era posto la domanda se si trattasse di una compulsione (come il gioco d'azzardo) priva di valore artistico oppure se la terapia dopaminergica facesse emergere un talento artistico silente. Erano stati allora studiati in modo approfondito tre gruppi, uno di parkinsoniani con produzione artistica, uno senza produzione artistica e uno di controlli sani non artisti, utilizzando i questionari per la individuazione di comportamenti compulsivi e di pensiero creativo.
Questi i risultati: i parkinsoniani artisti non presentavano un aumento di comportamenti compulsivi, mentre il loro pensiero creativo era aumentato rispetto ai pazienti parkinsoniani non artisti. Si è dunque ipotizzato che la terapia dopaminergica potrebbe indurre un talento innato a manifestarsi in soggetti con predisposizione artistica, i farmaci però non migliorano il talento. L'arte è quindi anche un argomento di studio interessantissimo.

Fonte: Vivid dreaming, Morgan, Jules, The Lancet Neurology, Volume 21, Issue 1, 29



(*) Canesi M, Rusconi ML, Isaias IU, Pezzoli G. Artistic productivity and creative thinking in Parkinson's disease. Eur J Neurol. 2012 Mar;19(3):468-72. doi: 10.1111/j.1468-1331.2011.03546.x. Epub 2011 Oct 10. PMID: 21981324.

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson