Menu
Italian English French German Spanish

La levodopa per via inalatoria entra in clinica

fumoPubblicati dati preliminari in pazienti trattati con CVT-301

 

CVT-301 è una formulazione di levodopa in polvere da usare per via inalatoria, insufflata in particelle fini per risolvere episodi di OFF.

Uno studio in 18 volontari sani ha evidenziato che in seguito alla inalazione di una singola dose di 50 mg di CVT-301 + assunzione orale di carbidopa i livelli di levodopa nel sangue aumentano più rapidamente rispetto a quanto avviene dopo la assunzione orale di una compressa di 100 mg levodopa + 25 mg:

  • dopo 5 min la concentrazione plasmatica era superiore a 400 ng/ml nel 67% dei pazienti che aveva ricevuto CVT-301 rispetto a 0 pazienti dopo l'assunzione della compressa;
  • dopo 20 minuti tutti i pazienti che avevano ricevuto CVT-301 avevano livelli di levodopa superiori a 400 ng/ml rispetto al 67% dei pazienti che avevano ricevuto la compressa a digiuno ed all'11% che avevano assunto la compressa a stomaco pieno.

Ventiquattro pazienti con malattia di Parkinson ed episodi di OFF pari ad almeno 2 ore nell'arco delle 24 ore nonostante 100 mg/carbidopa 25 mg quattro volte al giorno sono stati assegnati a caso (randomizzati) in doppio cieco (né il paziente, né il medico sapeva chi erano stato assegnato a che cosa) a sequenze diverse di dosi singole di placebo, 25 mg e 50 mg di CVT-301 per via inalatoria durante un episodio in OFF. L'intervallo tra l'assunzione di una dose e l'altra doveva essere di almeno 4 ore. Il miglioramento della prova del tamburellamento delle dita era significativo rispetto al placebo già nei primi 15 minuti con entrambe le dosi di CVT-301, mentre il miglioramento del punteggio motorio UPDRS rispetto al placebo è stato significativo solo con la dose superiore solo relativamente alla risposta migliore ed alla risposta media nell'arco di 3 ore.

Il profilo di sicurezza di CVT-301 era buono. L'effetto indesiderato più frequente, che si è manifestato in 6 pazienti è stata tosse da lieve a moderata.

 

Fonte: Lipp et al Sci Transl Med online 12 ottobre 2016