fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Il caffè, ma non la caffeina, protegge contro la neurodegenerazione

tazzina caffeAttivi altri composti nel caffè tostato

 È noto da tempo che i bevitori di caffè presentano un ridotto rischio di sviluppare la malattia di Parkinson. Si pensava che questo fosse dovuto alle proprietà della caffeina e si è addirittura tentato di sviluppare una classe di farmaci che ne mimava la capacità di antagonizzare i recettori A2A senza importanti risultati.

Ora ricercatori canadesi affermano che la capacità neuroprotettive del caffè contro le malattie neurodegenerative (Alzheimer e Parkinson) non sono da attribuire alla caffeina, ma ad un’altra classe di composti contenuta nel caffè tostato ovvero i fenilindani.
Hanno preso in esame la capacità di tre varietà di caffè arabica solubile della famosa catena Starbucks di inibire l’aggregazione delle proteine tau e Aβ (che si accumulano nei neuroni malati di Alzheimer) e alfa-sinucleina (che si accumula nei neuroni malati di Parkinson): caffè tostato chiaro, caffè tostato scuro e caffè tostato decaffeinato. Hanno esaminato l’effetto di diversi livelli di tostatura, perché è noto che modifica la composizione del caffè.
Hanno osservato che tutti e tre gli estratti (ovvero anche quello decaffeinato) inibivano l’aggregazione delle proteine. A questo punto hanno valutato la capacità antiaggregante di 6 componenti degli estratti di caffè ovvero caffeina, acido clorogenico, acido quinico, acido caffeico, quercitina e fenilindano. Hanno stabilito che la caffeina non aveva alcuna attività inibitoria, mentre gli effetti principali erano dovuti alla presenza di fenilindano. Da rilevare che l’inibizione riguardava l’aggregazione delle proteine tau e Aβ, non la alfa-sinucleina, per cui ipotizzano altri meccanismo protettivi nel confronti del Parkinson.

 

Fonte: Mancini e coll Frontiers in Neuroscience 12 ottobre 2018 online

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !