fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Neuropatia periferica nel Parkinson: prevalenza e impatto sul cammino e sull'equilibrio

neuroniLa neuropatia periferica, che è la disfunzione di uno o più nervi periferici, può essere comune nei pazienti con malattia di Parkinson.

 

La prevalenza (che è il numero di pazienti affetto da una malattia in un certo momento)  di neuropatia periferica, cioè la disfunzione di uno o più nervi periferici, varia tra il 4,8% e il 55%, rispetto al 9% nella popolazione generale. Non è chiaro però se la neuropatia periferica nel Parkinson causi una riduzione delle performance motorie, con conseguente ridotta mobilità e aumento dei disturbi dell'equilibrio.

Uno studio appena pubblicato sulla rivista Brain aveva l'obiettivo di determinare la prevalenza e il tipo di neuropatia periferica nei pazienti con malattia di Parkinson e valutarne l'impatto sul cammino e sull'equilibrio.
I 99 pazienti con Parkinson (dei quali il 39,4% femmine) inclusi nello studio sono stati valutatati con esami di neurofisiologia (studio della conduzione nervosa e test sensoriali quantitativi) e di neuropatologia (biopsia cutanea), per caratterizzare il tipo di neuropatia periferica. I pazienti avevano un'età media di 67,2 anni, una durata media di malattia  di 6,5 anni, una dose giornaliera media di levodopa di 719,1 mg e uno stadio H&Y di 2 (quindi senza disturbi dell'equilibrio legati al Parkinson).

Questi i risultati: il 40,4% dei pazienti con Parkinson presentava anche una neuropatia periferica, in particolare una neuropatia delle piccole fibre (70%). La presenza di neuropatia periferica era associata in maniera significativa a una lunghezza del passo più breve e a un cammino più lento sia in fase off che in on. Per quanto riguarda l'equilibrio invece, sono state osservate differenze significative tra i pazienti con Parkinson con e senza neuropatia periferica solo in fase off. 

I risultati di questo studio  suggeriscono al neurologo di considerare una eventuale presenza di neuropatia periferica nel paziente con Parkinson, soprattutto quando compaiono difficoltà di cammino e di equilibrio non responsive alla terapia dopaminergica in stadi iniziali di malattia, e di indagarla attraverso gli esami strumentali, in particolare l'elettromiografia che è un esame semplice e facilmente eseguibile.

 

Fonte: Corrà MF, et al. Peripheral neuropathy in Parkinson's disease: prevalence and functional impact on gait and balance. Brain. 2022 Jan 28:awac026. doi: 10.1093/brain/awac026.

 

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson