fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

La malattia di Parkinson si studia anche nel lievito

Confermato il ruolo tossico della alfa-sinucleina in questo modello della malattia

La alfa-sinucleina è una proteina coinvolta nello sviluppo della malattia di Parkinson e rappresenta la componente principale del segno anatomico caratteristico della malattia ovvero i corpi di Lewy presenti all’interno dei neuroni. In molti casi il problema consiste nel malripiegamento della proteina, che ne impedisce la normale eliminazione. Recentemente è stata scoperta una rara forma ereditaria della malattia in cui questa proteina viene prodotta in eccesso a causa della presenza di geni multipli responsabili per la sua produzione. In entrambi i casi i neuroni vengono danneggiati dall’accumulo di alfa-sinucleina al loro interno. Ricercatori dell’Istituto Whitehead per la Ricerca Biomedica a Cambridge nel Massachusetts (USA) hanno messo a punto un modello della malattia di Parkinson in una serie di lieviti che contengono il gene normale per la alfa-sinucleina o forme mutanti di questo gene trovati in pazienti parkinsoniani. Una forma del gene associata al raddoppiamento della produzione di alfa-sinucleina ha determinato non solo accumulo della proteina con formazioni di corpi inclusi tossici, ma anche danno del sistema di qualità dell’organismo che elimina proteine mutanti anormali.

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !