fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Pandemia da COVID-19: le raccomandazioni dietetiche

dietaLa pandemia che ci ha colpiti in questi ultimi due anni ha influenzato gli stili di vita in maniera sostanziale. È emerso che l'isolamento sociale può causare deflessione del tono dell'umore, cambiamenti delle abitudini alimentari, e peggioramento delle condizioni di salute.

 

Un'alimentazione ottimale è uno dei principali determinanti della salute che può migliorare il benessere e mitigare le conseguenze dannose del distanziamento sociale aiutando a prevenire o controllare la maggior parte delle malattie croniche come diabete, ipertensione ed eccesso di peso corporeo/obesità. Inoltre, negli individui con Covid lo stato nutrizionale è un fattore cruciale per una prognosi ottimale e può influire sulla gravità clinica della malattia.

Presentiamo qui una revisione sistematica di linee guida di sei governi (Australia, Brasile, Canada, Italia, Spagna, Stati Uniti), e di linee guida di organizzazioni sanitarie (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, OMS, Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie e Consiglio europeo per l'informazione alimentare).

Quasi il 70% dei documenti incoraggiava il consumo di frutta, verdura e cibi integrali. Due società nutrizionali, italiana e spagnola, raccomandavano almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. Le diete ricche di frutta e verdura contengono elevate quantità di vitamine e minerali, comprese le vitamine  A, C, D, E e il complesso B, nonché zinco e selenio, che sono importanti modulatori del sistema immunitario. Inoltre, frutta e le verdure sono buone fonti di acqua, antiossidanti e fibre, che svolgono tutti un ruolo nel controllo dell'ipertensione, del diabete e dell'aumento di peso, alcuni dei più importanti fattori di rischio per le complicanze del COVID-19. Le vitamine A, C, D, E, B6 e B12 e lo zinco e il selenio supportano la risposta immunitaria; un'adeguata assunzione di questi micronutrienti può essere raggiunto attraverso una dieta quotidiana che include carne, pesce, legumi, latticini, frutta secca, uova, agrumi (ad es. arancia, limone, pompelmo), frutta e verdura. La vitamina  D principalmente sintetizzata in modo endogeno attraverso l'esposizione della pelle al sole. Tuttavia, a determinate latitudini le radiazioni ultraviolette sono notevolmente ridotte durante l'inverno. Di conseguenza, potrebbe essere necessario un maggiore apporto di cibi ricchi di vitamina D, così come un'integrazione di vitamina D soprattutto da alimenti di orgine animale.

Un terzo delle organizzazioni ha incoraggiato la riduzione di bevande zuccherate, altri prodotti ricchi di zucchero, carne ed altri alimenti di origine animale per ridurre l'assunzione di grassi saturi. Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3  (frutti di mare, alghe olio, pesce marino e semi di lino) supportano il sistema immunitario, mentre gli acidi grassi monoinsaturi omega-9 che si trovano negli oli e nelle noci di oliva, girasole e hanno proprietà antiossidanti, antimicrobiche e antivirali.

Il mantenimento di un'adeguata idratazione è essenziale per la funzione renale, il controllo della temperatura corporea, l'umore, la funzione cognitiva, e le la funzione gastrointestinale e cardiaca. Dietologi e operatori sanitari dovrebbero fornire consigli sull'importanza di bere acqua, tè e latte e di consumare altri alimenti contenenti acqua durante la pandemia di COVID-19.

L'obesità limita la respirazione, indebolisce le risposte immunitarie ed è proinfiammatoria. È anche associata ad un aumentato del rischio di diabete mellito, malattie cardiovascolari e malattie renali, che contribuiscono ad aumentare la vulnerabilità all'insufficienza d'organo associata alla polmonite. Pertanto, una sana perdita di peso potrebbe essere una buona strategia per ridurre il rischio di COVID-19 e complicazioni. 

I probiotici sono definiti come "microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio per la salute all'ospite" attraverso diversi meccanismi, tra cui la modulazione della funzione immunitaria, la produzione di composti antimicrobici e acidi organici. Studi su specie probiotiche (Lactobacillus e Bifidobacterium) hanno mostrato risultati promettenti per quanto riguarda il miglioramento della funzione immunitaria.

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura ha raccomandato di limitare l'assunzione di alcol. L'eccessivo consumo di alcol è associato a una ridotta immunità dell'ospite alle infezioni. Le attuali linee guida per un'assunzione moderata raccomandano non più di 1 bicchiere al giorno per le donne e non più di 2 bicchieri al giorno per gli uomini.

La raccomandazione generale è di consumare una dieta basata prevalentemente su cibi freschi come frutta, verdura, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi e grassi sani (olio di oliva e olio di pesce) e di limitare l'assunzione di bevande zuccherate e cibi lavorati ad alto contenuto di calorie e sale. Integratori alimentari (vitamine  C e D, zinco e selenio) devono essere somministrati a soggetti con o a rischio di infezioni virali respiratorie o nei quali viene rilevata una carenza.

 a cura della dott.ssa Carlotta Bolliri, biologa nutrizionista

 

Fonte: de Faria Coelho-Ravagnani C, et al.Dietary recommendations during the COVID-19 pandemic. Nutr Rev. 2021 Mar 9;79(4):382-393. doi: 10.1093/nutrit/nuaa067. PMID: 32653930; PMCID: PMC7454801.

 

 

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson