fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

A proposito dei vaccini anti-Covid- Aggiornamento dopo un mese

Prof. PezzoliRiceviamo oramai decine di domande, ogni giorno, con dubbi sulla necessità di effettuare la vaccinazione contro il Coronavirus.

Qualcuno manifesta una paura generica verso i vaccini, altri chiedono se nella condizione particolare dei pazienti affetti da Parkinson si possano presentare effetti collaterali particolari. Sono sinceramente stupito dell'alto numero di persone, anche non parkinsoniane, che mostrano una diffidenza che arriva quasi ad essere una paura di vaccinarsi. 

Questi vaccini sono quanto di più sicuro possa esistere in ambito sanitario. Sono state già trattate milioni di persone e gli effetti collaterali sono portati a conoscenza di una platea mondiale. Gli effetti collaterali, a breve distanza, sono veramente pochi, per lo più in persone molto allergiche. Gli effetti a distanza? Ma quale vaccino dà effetti collaterali a distanza?

Il Parkinson e le sindromi correlate non presentano alcun rischio aggiuntivo in qualsiasi tipo di vaccinazione. Questi atteggiamenti irrazionali sono sempre esistiti "È il povero senno umano che combatte contro i fantasmi creati da sé" dice il Manzoni per la peste del '600: allora erano gli 'untori che diffondevano la peste' con polveri malefiche, oggi sono gli effetti collaterali dei vaccini. Confidiamo nella scienza!

Quando verremo chiamati facciamo il nostro vaccino, aumenteremo le probabilità di rimanere in salute.

Aggiornamento dopo tre settimane

Il 13 gennaio sono stato vaccinato con la prima dose del vaccino Pfizer. Ho avuto il Covid nell'ottobre 2020. Meglio, sono stato infettato, ma senza sintomi. Ho sviluppato però un elevato tasso anticorpale, tuttavia per entrare in ospedale viene richiesta la vaccinazione se l'infezione è stata contratta più di trenta giorni prima. Non ho avuto effetti collaterali rilevanti, oltre ad un lieve dolore muscolare nell'area dell'inoculazione. Il dolore lieve è scomparso in 24 ore. Abbiamo seguito centinaia di persone che si sono sottoposte allo stesso vaccino si sono presentati due effetti collaterali insorti qualche giorno dopo l'inoculazione. Una paresi periferica del facciale e una paresi della muscolatura oculare. Sono effetti collaterali descritti come "relativamente frequenti" anche nella scheda tecnica del vaccino Pfizer. I sintomi, che non possono essere riferibili con certezza al vaccino, sono regrediti nel giro di qualche giorno o sono in fase di regressione.

Parecchi colleghi sono stati vaccinati anche con il secondo richiamo. Alcuni di loro hanno avuto un rialzo febbrile che è durato mediamente un giorno, sembra che siano più esposti a questi rialzi febbrili coloro che hanno contratto la malattia in passato.  In conclusione, c'è qualche effetto collaterale, che abbiamo osservato anche perché siamo tutti molto attenti. Personalmente non mi sembra che questi effetti indesiderati siano stati superiori a quello di molte vaccinazioni che ho subito in passato

Gianni Pezzoli 

 

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !