fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Ottimizzazione della terapia antiparkinsoniana: interazioni con gli alimenti e integratori

Diversi studi hanno dimostrato come nella malattia di Parkinson sia importante mantenere una dieta mirata che tenga conto dell'adeguato apporto di nutrienti e delle possibili interazioni degli alimenti o nutrienti con la terapia antiparkinsoniana.  

Alcuni alimenti e bevande possono difatti avere effetti sull'assorbimento dei farmaci specifici per la malattia.  E' infatti noto il  potenziale impatto benefico di una dieta a ridistribuzione proteica e povera di grassi  (questo a conferma di tutti i nostri studi svolti finora). Ne scaturisce come diversamente una dieta ad alto contenuto proteico e ricca di lipidi possa avere un impatto negativo sull'assorbimento della levodopa e pertanto sulla risposta farmacologica. 

Occorre inoltre prestare attenzione ad integratori di solfato ferroso che possono influenzare negativamente l'assorbimento e l'efficacia della levodopa; la loro assunzione pertanto deve avvenire lontano dalla levodopa per evitare possibili interazioni.  

Se la levodopa deve essere assunta lontano dai pasti (raccomandiamo sempre che l' assunzione avvenga almeno 20 minuti prima dei pasti) , diversamente gli altri farmaci antiparkinsoniani, come gli inibitori delle MAO B ai dosaggi normalmente prescritti e gli agonisti dopaminergici, o  gli inibitori della COMT,  possono essere assunti indifferentemente dai pasti. Una eccezione è rappresentata dall'opicapone per cui è consigliabile l'assunzione a stomaco vuoto. Sovradosaggi  di inibitori di MAO B come rasagilina e selegilina devono essere evitati per la possibile interazione con cibi contenenti tiramina (ad esempio formaggi stagionati) con il rischio di causare la sindrome serotoninergica, una sindrome farmaco-indotta caratterizzata da confusione, tachicardia, sudorazione, aumento della pressione arteriosa e altri sintomi che richiedono l'ospedalizzazione.

Attualmente però i dati presenti in letteratura sono ancora scarsi, per cui si attendono sviluppi futuri e studi più completi.

Fonte: Agnieszka W, Paweł P, Małgorzata K. How to optimize the effectiveness and safety of Parkinson's disease therapy? - a systematic review of drugs interactions with food and dietary supplements. Curr Neuropharmacol. 2021 Nov 16.

 a cura della Dott.ssa Carlotta Bolliri, biologa nutrizionista

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson