fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Assunzione di cibi ricchi di flavonoidi e rischio di mortalità nel Parkinson: uno studio prospettico

flavonoidiTra gli individui con Parkinson, è probabile che un maggiore consumo di cibi ricchi di flavonoidi, in particolare antociani e flavonoli, come bacche e vino rosso, sia associato a un minor rischio di mortalità.

Questi sono i risultati di uno studio appena pubblicato sulla autorevole rivista Neurology. Sebbene i flavonoidi abbiano già dimostrato il loro potenziale neuroprotettivo, non era mai stata studiata lo loro influenza sul tasso di sopravvivenza (cioè sulla proporzione di individui con una certa malattia che sopravvivono per un dato tempo) dei pazienti con Parkinson.

Questo lavoro ha studiato in modo prospettico l'associazione tra l'assunzione di flavonoidi pre e post-diagnosi e il rischio di mortalità in 599 donne e 652 uomini statunitensi partecipanti a studi di follow-up e ai quali era stata fatta una nuova diagnosi di Parkinson.

Sono stati valutati l'assunzione con la dieta di flavonoidi totali e delle sottoclassi insieme ai principali alimenti ricchi di flavonoidi (tè, mele, frutti di bosco, succo d'arancia e vino rosso).

Questi, in sintesi, i risultati: una maggiore assunzione totale di flavonoidi prima della diagnosi di Parkinson era associata a un minor rischio futuro di mortalità negli uomini ma non nelle donne. In particolare, l'assunzione di antociani, flavoni e flovonoli prima della diagnosi era associata a un rischio di mortalità più basso.   Gli individui che consumavano 3 o più porzioni/settimana di frutti di bosco e vino rosso avevano un rischio di mortalità inferiore rispetto a chi ne consumava meno di 1 porzione/mese.  Infine, dopo la diagnosi di Parkinson, un maggior consumo di flavonoidi totali è stato associato a un minor rischio di mortalità per tutti, uomini e donne.

Ricordiamo che i flavonoidi sono presenti nei vegetali e possono essere assunti facilmente seguendo una dieta bilanciata: tra tutti i flavoinoidi, gli antociani sono contenuti nell’uva, nelle cipolle rosse, nelle ciliegie, nelle bacche, nei frutti di bosco e nel cioccolato fondente, le protoantocianidine nel cacao, nel tè verde, nei mirtilli, nell’uva rossa e nelle mele,  i flavanoni negli agrumi, i flavonoli nei broccoli, cavoli, pomodori, tè, mele, uva e cipolle, e gli isoflavoni nella soia e nei legumi.

 

Fonte: Zhang X, et al.  Intake of Flavonoids and Flavonoid-Rich Foods, and Mortality Risk Among Individuals With Parkinson Disease: A Prospective Cohort Study. Neurology. 2022 Jan 26:10.1212/WNL.0000000000013275.

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson