fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Monociti deboli nel Parkinson

Sistema immunitario potrebbe essere coinvolto

 

Una caratteristica tipica della malattia di Parkinson è rappresentata dagli accumuli di proteina alfa-sinucleina malripiegata.  Vi sono evidenze che suggeriscono che tale proteina malripiegata ha origine nell’intestino e poi migra fino al cervello, dove esplica effetti tossici sui neuroni. Un gruppo di ricercatori danesi ha fatto presente che tali accumuli dovrebbero essere intercettati e rimossi dai globuli bianchi del sistema immunitario. Il fatto che questo non avviene suggerisce che vi possa essere un difetto del sistema immunitario.

Per questo motivo hanno studiato i monociti, particolari globuli bianchi del sangue che, in presenza di germi patogeni o comunque di sostanze estranee, normalmente si trasformano in macrofagi, ovvero cellule molto grosse in grado di inglobare e distruggere gli invasori.

Hanno prelevato un campione di sangue da 29 pazienti parkinsoniani e 20 volontari senza alcuna patologia neurodegenerativa di pari età e sesso. Hanno constatato che i monociti dei pazienti sopravvivevano significativamente di meno in coltura. Non solo: in presenza di stimoli infiammatori, tra cui accumuli di proteina alfa-sinucleina, i monociti dei volontari si attivavano e producevano anche citochine, sostanze immunoregolatorie, mentre i monociti dei pazienti non lo facevano.

Questi risultati sono a supporto del coinvolgimento del sistema immunitario nello sviluppo della malattia di Parkinson

Fonte: Nissen SK e coll Movement Disorders online

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !