Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

  • INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART. 13 DEL REGOLAMENTO EUROPEO 2016/679


    PREMESSE

    In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
    Si tratta di un’informativa che è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo 2016/679, a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

    www.parkinson.it

    corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
    L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

    IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

    A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
    Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125– Milano.
    L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

    LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

    I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 28 del Regolamento Europeo 2016/679, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
    Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

    I dati provenienti dalla pagina https://www.parkinson.it/dona-online.html potranno essere trasmessi al gateway di pagamento al fine di migliorare l’esperienza dell'utente.

    TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

    Dati di navigazione

    I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
    Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
    In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
    Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

    Dati forniti volontariamente dall’utente

    L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo categorie particolari di dati personali (art.9 del Regolamento Europeo 2016/679) e giudiziari (art.10 del Regolamento Europeo 2016/679 ).
    Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
    I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno con il Titolare un rapporto di Responsabili esterni del trattamento dati.
    Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

    I dati di pagamento saranno trattati per finalità antifrode, ai sensi della direttiva 2015/2366 (UE), e successive modifiche, sui servizi di pagamento del mercato interno europeo (cd. PSD2)

    COOKIES

    Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
    Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
    L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
    I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

    FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

    A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
    Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

    MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

    Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto agli artt. 5 - 6 del Regolamento Europeo 2016/679 e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
    In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Regolamento Europeo 2016/679.
    L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

    DIRITTI DEGLI INTERESSATI

    I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (Capo III – articoli dal 15 al 22 del Regolamento Europeo 2016/679 ).
    Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
    Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

    RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (RDP) AI SENSI DELL’ART. 37 DEL REGOLAMENTO UE 2016/679

    Si comunica che il Titolare al Trattamento dei dati ha designato quale Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) o Data Protection Officer (DPO) l’Arch. Francesco Leone, recapito: privacy@architettoleone.it

 

Italian English French German Spanish

Sistema immunitario nella malattia di Parkinson: importanza della ricerca sul tessuto cerebrale e banca dei tessuti

btnDiversi studi hanno evidenziato il coinvolgimento del sistema immunitario in molte malattie neurodegenerative, tra cui la malattia di Parkinson.

Gli studi del cervello post-mortem dei pazienti con Parkinson hanno mostrato un aumento dell'infiammazione cerebrale caratterizzata da un aumento delle citochine pro-infiammatorie (mediatori dell'infiammazione). Il ruolo che riveste l’infiammazione nella malattia di Parkinson trova inoltre supporto da molti dati di genetica (la branca della medicina che studia le informazioni ereditarie di ciascun individuo). Ad esempio alcuni geni responsabili del Parkinson esprimono proteine che sono ampiamente presenti a livello del sistema immunitario (l’insieme di cellule e tessuti responsabili della difesa del nostro organismo da patogeni e da insulti traumatici, chimici, infettivi). Un aumento delle citochine infiammatorie (IL-1β, IL-2, IL-6 and TNF-α) inoltre è stato ritrovato nel sangue dei pazienti con Parkinson, nonché nel liquor, il liquido biologico che circonda il midollo spinale e che può essere prelevato mediante una puntura lombare o rachicentesi.

Qualsiasi fattore o situazione che produce infiammazione nel cervello determina l’attivazione di alcuni tipi cellulari. Lo studio del tessuto cerebrale post mortem consente di studiare nel dettaglio i tipi cellulari coinvolti nella malattia di Parkinson e il ruolo che l’infiammazione svolge nella malattia.

In generale quando le cellule dalla loro fase dormiente diventano attive, assumono una particolare veste (in termini medici, fenotipo). Tra i tipi cellulari attivati dall’infiammazione, vi sarebbero le cellule della microglia, i macrofagi residenti nel nostro cervello, che hanno una funzione di difesa di prima linea. In presenza di condizioni di danno, la microglia si attiva, ovvero va incontro a un aumento delle sue dimensioni e assume una morfologia (forma) ameboide. Lo stato di attivazione comporta il rilascio di sostanze (citochine) infiammatorie e l’acquisizione di capacità fagocitiche: significa che la microglia diviene in grado di “ingurgitare” detriti e sostanze tossiche. Accanto all’attivazione della microglia, alcuni studi avrebbero riportato una attivazione del Complemento (altro elemento essenziale del sistema immunitario). Altri studi hanno mostrato come la massima attivazione della microglia verosimilmente avvenga nelle fasi iniziali di malattia, ovvero quando l’entità del danno del tessuto cerebrale è più esteso e vi è pertanto una maggiore necessità di “fagocitare” (ovvero ingurgitare) i detriti cellulari prodotti dal danno stesso. L’avanzamento della scienza ha consentito negli ultimi anni lo sviluppo di tecniche sofisticate di neuro-imaging (PET cerebrale), in grado di identificare la microglia attivata. Ad oggi rimane tuttavia non chiaro il significato della microglia attivata nella malattia di Parkinson e tali tecniche di imaging sono impiegate solo a scopo sperimentale.

Un altro tipo cellulare coinvolto nell’infiammazione e nella malattia di Parkinson è rappresentato dagli astrociti.
Inizialmente si pensava che gli astrociti avessero unicamente un ruolo di supporto, basato sulla regolazione delle concentrazioni di ioni e neurotrasmettitori (i messaggeri chimici con cui il cervello si scambia le informazioni). Tuttavia, gli astrociti svolgono una gamma molto più ampia di funzioni essenziali per il mantenimento del nostro cervello e avrebbero un ruolo chiave nell’infiammazione. Difatti, in presenza di particolari condizioni, sarebbero in grado di assumere un fenotipo neurotossico o disfunzionale. Gli astrociti sono anche attivamente coinvolti nell'eliminazione dell'alfa-sinucleina dai neuroni.

Altri studi post mortem mostrano inoltre come nel cervello si verifichi l'infiltrazione di cellule immunitarie periferiche (cellule che difendono il nostro corpo dagli insulti e da diversi tipi di danno), in particolare cellule T e monociti. Sia le cellule T-CD4 che quelle T-CD8 si trovano nelle aree di perdita cellulare.


Tutti questi studi dimostrano l'importanza delle ricerche effettuate sul tessuto cerebrale. Solo un'ulteriore caratterizzazione dei tipi cellulari coinvolti nell’infiammazione e dei cambiamenti molecolari che si verificano nelle cellule immunitarie del cervello nel Parkinson potrà consentire la realizzazione in futuro di farmaci in grado di modificare l’evoluzione della malattia.

Questo è il motivo principale per cui abbiamo investito molto sulla Banca dei Tessuti Nervosi (BTN), nata nel 2007 da una collaborazione tra la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson ed il Dipartimento di Anatomia Patologica dell’Ospedale Niguarda Cà Granda di Milano. Da allora la Banca è cresciuta molto e si è avvalsa della collaborazione di altri enti tra cui il Dipartimento di Bioscienze dell’Università di Milano. La Banca dei Tessuti Nervosi è inoltre indispensabile per arrivare a una diagnosi certa di malattia: l’esame istopatologico dei tessuti nervosi di un paziente è l’unica indagine che permette di fare una diagnosi certa. Inoltre la Banca è fondamentale per i progetti di Ricerca sponsorizzati dalla Fondazione Grigioni per cui è indispensabile disporre di campioni biologici di pazienti parkinsoniani. Senza la BTN questi progetti non sarebbero fattibili. Chiediamo ai nostri pazienti di aderire alla Banca perché è il numero di campioni donati che incide considerevolmente sul numero di studi che possono essere condotti, e dunque sulle scoperte che possono scaturire da questi studi.

A cura della dr.ssa Federica Garrì e della dr.ssa Daniela Calandrella, Specialiste in Neurologia, Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson

 

Fonte: Weiss F, Labrador-Garrido A, Dzamko N, Halliday G. Immune responses in the Parkinson's disease brain. Neurobiol Dis. 2022 Mar 18:105700. doi: 10.1016/j.nbd.2022.105700. Epub ahead of print. PMID: 35314321.

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson