Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

Gli effetti della vitamina B1: l'esperienza personale del Prof. Costantini

costantini vitamina B1Atti del 37° Convegno Nazionale AIP – Milano, 6 giugno 2015

Il Prof. Antonio Costantini, che lavora presso il Reparto di Riabilitazione Neuromotoria di Villa Immacolata a San Martino al Cimino (Viterbo) è stato invitato a partecipare al convegno in seguito alla segnalazione da parte di molti pazienti che tratta i parkinsoniani con vitamina B1 con successo.  Il professore ha pubblicato in letteratura tre casi clinici in cui l'uso di dosi elevate della vitamina B1 ha permesso di migliorare notevolmente la funzione motoria.  La segnalazione appare di particolare interesse anche perché non ci sono interessi economici dietro questa affermazione, la vitamina B1 è disponibile da decenni a basso costo e nessuno ne detiene un brevetto.

 

Il racconto del Prof. Costantini

Le osservazioni sulla vitamina B1 risalgono al mese di giugno 2010.  Allora il Prof. Costantini si occupava della stanchezza cronica che affligge pazienti con patologie autoimmunitarie, come la retto-colite ulcerosa, la sclerosi multipla e la fibromialgia.  

Innanzitutto bisogna tenere presente che vere e proprie deficienze di vitamina B1 di origine alimentare o da problemi intestinali non esistono nel mondo occidentale.  Tutti i pazienti trattati avevano livelli normali di vitamina B1 nel sangue. 

Mentre stava trattando pazienti con sclerosi multipla, un'altra paziente ricoverata ha chiesto di ricevere la terapia.  Era affetta da una malattia neurodegenerativa, l'atassia spinocerebellare di tipo 2.  Dopo 3 mesi di terapia a base di vitamina B1 per via IM era migliorata non solo la stanchezza, ma erano migliorati anche i sintomi neurologici, soprattutto il linguaggio gravemente compromesso da disartria era diventato comprensibile.  A questo punto il Prof. Costantini ha provato a trattare altre patologie neurodegenerative, quali l'atassia di Friedreich e la malattia di Parkinson, anche perché l'atassia cerebellare di tipo 2 in alcune famiglie nel mondo, può presentarsi con sintomi parkinsoniani e non con i sintomi caratteristici dell’incoordinazione.  Ha stabilito le dosi in base alla velocità di progressione della malattia, per esempio nella atassia che è a lenta progressione basta una fiala di 100-150 mg IM alla settimana, mentre nel Friedreich e nel Parkinson usa 2 fiale da 100 mg alla settimana (lunedì e giovedì oppure martedì e venerdì).  La dose equivalente per bocca è di 4 g ogni giorno.

Il Professore ha circa 300 casi documentati da una serie di registrazioni.  Proietta il video di un paio di casi di malati di Parkinson.  Il primo era in cura presso i migliori clinici di Roma.  La vitamina B1 è stata somministrata in aggiunta alla terapia antiparkinson prescritta dai neurologi, che è rimasta invariata.  Nel video registrato dopo 15 giorni di terapia si nota che la sintomatologia è completamente regredita ed il paziente afferma di stare meglio.   Il Prof. Costantini afferma che il beneficio è stato mantenuto per 3 anni e dura tutt'ora.  Ha osservato molti casi con risultati analoghi ed è giunto alla conclusione che la terapia a base di vitamina B1 migliora la sintomatologia motoria e non motoria e rallenta la progressione della malattia.

 

Domande da parte dei medici in sala

 

Prof. Pezzoli:  il primo paziente era soggetto a fluttuazioni motorie? Inoltre, il miglioramento è stato documentato non solo clinicamente in base al punteggio della scala UPDRS, ma anche da neuroimmagini acquisite tramite DATscan?

Prof. Costantini:  il paziente non aveva fluttuazioni motorie. La documentazione DATscan non esiste per tutti i casi perché i pazienti non si sottopongono volentieri a questo esame. Per documentare un miglioramento al DATscan è necessario che il paziente ne abbia fatto uno al massimo qualche mese prima dell'inizio della terapia con vitamina B1 e un controllo successivo, che, dati i tempi di attesa si effettua dopo diversi mesi. Per questo noi abbiamo solo due casi in cui anche i dati del DAT scan sono migliorati.

 

Dr.ssa Zini:  Il secondo paziente che tremava era sempre in ON quando è stato ripreso? L'intervallo di tempo tra l'assunzione della terapia e la registrazione era sempre la stessa? Inoltre, ha provato a somministrargli la vitamina B1 da sola, senza la sua solita terapia antiparkinson?

Prof. Costantini:  Il paziente era sempre in ON e l'intervallo tra assunzione della terapia e la registrazione era la stessa. No, non ho fatto tutte quelle prove in questo paziente. Noi non abbiamo fondi per la ricerca e quindi non abbiamo i mezzi per indagare tutte queste sottigliezze. Tuttavia, posso dire che abbiamo provato a dare la vitamina B1 a pazienti appena diagnosticati senza terapia dopaminergica ed abbiamo visto miglioramenti notevoli. L'entità del miglioramento variava a seconda della durata della sintomatologia:  60-80% in pazienti con sintomi da pochi mesi, 50% in pazienti con sintomi da un paio di anni, 30% con sintomi da diversi anni.

 

Prof. Isaias:  Ho apprezzato molto la presentazione di queste osservazioni relative ad una possibile nuova strategia terapeutica per il Parkinson, che sono sicuramente meritevoli di un approfondimento e di studio in un ambito scientificamente controllato. Quale potrebbe essere il meccanismo di azione della vitamina B1 nel Parkinson?

Prof. Costantini:  Noi non conosciamo la causa della malattia di Parkinson, per cui è difficile rispondere a questa domanda. È noto che la deficienza di vitamina B1 può causare il Beri-Beri caratterizzato da sintomi prevalentemente cardiologici o neurologici (polineuropatia) e l'encefalopatia di Wernicke. La vitamina B1 è coinvolta nei processi che servono per la produzione di energia a livello dei mitocondri e numerosi ricercatori hanno scoperto che i mitocondri funzionano male nei neuroni di pazienti affetti da malattie neurodegenerative, Parkinson compreso. Noi pensiamo che ci sia un fattore che impedisce il normale funzionamento dei processi vitamina B1 dipendenti che può essere compensato da livelli elevati della vitamina.

 

Dr. Cilia: Concordo che il funzionamento dei mitocondri è deficitario nella malattia di Parkinson. Tuttavia, nei processi che lei cita sono coinvolte anche altre vitamine. Per caso ha provato a somministrarne altre per vedere se c'è una differenza?

Prof. Costantini: No, abbiamo sempre somministrato solo la vitamina B1. Io sono convinto che la terapia per la malattia di Parkinson intesa sia come terapia sintomatica che come terapia che rallenta la progressione della malattia, debba essere a base di due soli farmaci: la levodopa e la vitamina B1. Secondo me, chi investe nello sviluppo di altri farmaci antiparkinson sbaglia e finirà per sprecare i suoi soldi.

 

Dr. Goldwurm:  finchè abbiamo solo osservazioni aneddottiche come quelle che sono state presentate non si va avanti. Sono interessanti, sì, ma devono essere valutate nell'ambito di uno studio in doppio cieco in confronto ad un placebo (sostanza inerte), in cui né il medico né il paziente sa chi sta prendendo che cosa. Questo è fondamentale non solo perché la sintomatologia parkinsoniana varia notevolmente sia da un giorno all'altro che nell’arco della giornata, ma anche e soprattutto per escludere l'effetto placebo. È stato documentato che l'effetto placebo è veramente notevole nella malattia di Parkinson: non solo il paziente si sente meglio, se è convinto di avere preso una sostanza efficace, ma addirittura è stato documentato dalle neuroimmagini che temporaneamente è in grado di produrre più dopamina e quindi di avere temporaneamente una funzione motoria migliore anche ad una valutazione obiettiva come può essere l'analisi computerizzata del cammino. Il Prof. Costantini mi ha mostrato un poster del 2012 che riporta i risultati in 60 pazienti parkinsoniani, ma attualmente ha pubblicato solo i case report di 3 casi. Quando pubblicherà risultati su casistiche più ampie?

Prof Costantini:   Sono stati trattati 50 casi di Parkinson in cooperazione con il Reparto di Neurologia dell'Ospedale S Martino di Genova in aperto, senza gruppo di controllo. Il Prof. Abbruzzese di Genova ha trovato i fondi per condurre un ampio studio in doppio cieco che verrà completato nel 2016.

 

Domande dal Pubblico

 

Quanti sono i casi di Parkinson documentati? Quando parla di centinaia di casi si tratta di malati con il Parkinson oppure di malati che hanno altre malattie?

Prof. Costantini:  I casi di Parkinson sono tanti, con diagnosi confermata da centri ben noti, come il Besta. Il reparto di riabilitazione che dirigo ha 60 letti, di cui 40 sono dedicati a pazienti con frattura del femore ed invariabilmente una decina di questi ha il Parkinson.

 

Mia madre è affetta da Atrofia Multisistemica di tipo cerebellare. Attualmente viene trattata con la terapia antiparkinson classica ed è noto che questa patologia non risponde così bene a questa terapia come la malattia di Parkinson. Ha esperienza di trattamento di questa patologia con la vitamina B1?

Prof Costantini:  L'Atrofia Multisistemica (MSA) è un tipo di parkinsonismo. Io posso affermare che i parkinsonismi, come la degenerazione cortico-basale (CBD) o la Paralisi Supranucleare Progressiva (PSP), rispondono altrettanto bene quanto la malattia di Parkinson. 

 

Commento:  Io non sono malata, ma una mia parente lo è e quello che interessa a noi è il miglioramento che si ottiene, non se è un effetto placebo o dovuto ad un altro meccanismo. È il miglioramento che conta.

Prof. Pezzoli:  Ma non è una questione di dettagli semantici, l'effetto placebo dopo qualche settimana sparisce, mentre un effetto dovuto ad un meccanismo farmacologico è duraturo. Noi vogliamo seguire le regole della scienza e condurre uno studio in doppio cieco non perché siamo degli scienziati burocrati che vogliono avere in mano un pezzo di carta, ma per valutare seriamente se la vitamina B1 esplica un effetto significativamente superiore al placebo oppure no, in altre parole stabilire se gli effetti osservati sono veramente dovuti alla vitamina oppure al caso. Solo quando un lavoro di quel tipo è stato completato, giudicato da esponenti della comunità scientifica internazionale e pubblicato su una rivista scientifica di buon livello si può affermare che esistono evidenze scientifiche valide a supporto della nuova soluzione terapeutica. Noi siamo aperti alle idee originali e siamo i primi a volere trovare qualche cosa di nuovo. Per la cronaca, in passato abbiamo anche invitato rappresentati di Stamina ad un convegno AIP.

 

Ci sono sostanze che interferiscono con l'assorbimento della vitamina B1 e che pertanto non bisogna assumere?

Dr.ssa Barichella (medico nutrizionista):  la vitamina B1 è idrosolubile per cui un integratore va assunto preferibilmente a digiuno, ma non ci sono particolari sostanze che ne bloccano l'assorbimento. 

Le vitamine si chiamano così perché sono essenziali per la vita. Nel caso della vitamina B1 noi riusciamo a produrre una certa quantità della vitamina, ma è del tutto insufficiente per il nostro fabbisogno. Ecco perché la dobbiamo introdurre con gli alimenti. Detto questo, non ci sono particolari problemi, perché è contenuta sia in alimenti di origine animale, come la carne ed il pesce, che vegetale, come i legumi. È difficile che si instauri una deficienza di vitamina B1 in un soggetto che mangia normalmente, a meno che soffra di una patologia infiammatoria dell'intestino che ne impedisce l'assorbimento. 

 

Prof. Pezzoli, quale è la sua opinione personale sulla vitamina B1?

Prof. Pezzoli:  posso affermare che è molto efficace quando viene somministrato a chi ne ha veramente bisogno. Poco dopo la laurea sono andato a lavorare all'Ospedale San Carlo a Milano. Circa il 50% dei letti era occupato da etilisti con encefalopatia (l'altra metà era occupato da pazienti che avevano avuto un ictus). Ho visto casi molto gravi di delirium tremens da abuso di alcool che aveva indotto una grave carenza di vitamina B1. La somministrazione della vitamina per via endovenosa risolveva il delirio nel giro di 10 minuti. Per quanto riguarda il Parkinson, non lo so, i pazienti parkinsoniani non hanno una carenza di vitamina B1 e attualmente non ci sono evidenze scientifiche valide sull'uso della vitamina.