fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Ruolo della neuromelanina

Titolo : Individuazione della Neuromelanina tramite la risonanza magnetica e la sua promessa di diventare un biomarcatore per la malattia di Parkinson

Autori:  Sulzer D, Cassidy C, Horga G, Kang UJ, Fahn S, Casella L, Pezzoli G, Langley J, Hu XP, Zucca FA, Isaias IU, Zecca L

Significato:   Attualmente non esiste un marcatore che permetta di diagnosticare la malattia di Parkinson prima del suo esordio e di seguire la sua progressione. Esiste solo la DAT-Scan per la diagnosi che prevede l’uso di un isotopo radioattivo e che quindi non può essere usato regolarmente per motivi di sicurezza. Questo articolo riguarda la messa a punto di una tecnica per immagini basata sulla risonanza magnetica che potrebbe diventare un esame usato per due scopi principali:

  • in ricerca per valutare l’efficacia di terapie che potenzialmente potrebbero rallentare la progressione della malattia
  • in clinica per monitorare soggetti particolarmente a rischio di sviluppare la malattia (per es. parenti di pazienti con mutazioni genetiche che aumentano la probabilità di svilupparla)

 

Sponsorizzazione:  due dei ricercatori coinvolti (IIU e LZ) hanno ricevuto fondi dalla Fondazione Grigioni per il morbo di Parkinson

Pubblicazione:   rivista Nature Partner Journals Parkinson’s Disease 2018 vol 4: pagina 11 e seguenti.

LINK ad abstract in inglese

LINK a notizia relative ad uno studio chiave sull'argomento

Leggi tutto...

La neuromelanina nella sostanza nera dell’'uomo: aspetti fisiologici e patogenetici

Traduzione del titolo in italiano

“La neuromelanina nella sostanza nera dell'uomo: aspetti fisiologici e patogenetici”

Autori: Zucca FA, Giaveri G,, Gallorini M, Alberini A, Toscani M, Pezzoli G, Lucius R, Wilms H, Sulzer D, Ito S, Wakamatsu K, Zecca L.

Significato: lo studio della neuromelanina, che diminuisce marcatamente nella sostanza nera dei pazienti parkinsoniani, ha messo in evidenza particolari proprietà che suggeriscono che possa svolgere un ruolo nello sviluppo della malattia.

Pubblicato sulla rivista Pigment Cell Res nell'anno 2004 (vol 17 pagine 610-617)

 

Link alla notizia presente su www.parkinson.it

Neuromelanina e ferro nel locus coeruleus e nella sostanza nera dell’'uomo durante l'’invecchiamento

Traduzione del titolo in italiano

“Neuromelanina e ferro nel locus coeruleus e nella sostanza nera dell'uomo durante l'invecchiamento: conseguenze per la vulnerabilità neuronale”

Autori: Zucca FA, Bellei C, Giannelli S, Terreni MR, Gallorini M, Rizzio E, Pezzoli G, Alberini A, Zecca L.

Significato: la neuromelanina, che è molto ridotta nella sostanza nera del cervello, nella malattia di Parkinson, è una forma di deposito del ferro. Gli studi sulla neuromelanina hanno contribuito alla formulazione di una nuova ipotesi sulle cause della malattia che è basata sul coinvolgimento del ferro.

Pubblicato sulla rivista J Neural Trans nell'anno 2006 (vol 113 pagine 757-767)

 

Link alla notizia presente su www.parkinson.it

 

Dona alla ricerca sul Parkinson

studio con le staminali

Aiuta i ricercatori a completare gli studi in corso!

Per un futuro senza Parkinson, grazie a te.

Ultimi lavori scientifici pubblicati

Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !