fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Diabete e malattia di Parkinson

Il diabete è una delle patologie più diffuse al mondo: la stima del numero di diabetici nel mondo è cresciuta da 171 milioni nel 2000 a 415 nel 2015 e potrebbe raggiungere 642 milioni nel 2040.

Una possibile associazione tra diabete e malattia di Parkinson è stata ipotizzata da diversi studi. È stato infatti evidenziato un aumentato rischio di malattia di Parkinson in pazienti diabetici. Inoltre, l’iperglicemia è stata correlata ad una maggiore compromissione motoria: studi che hanno indagato farmaci antidiabetici hanno segnalato una possibile relazione tra controllo glicemico e gravità motoria nei pazienti parkinsoniani.

Questo studio ha valutato in modo specifico la relazione tra diabete e danno neuronale in un gruppo di 195 pazienti affetti da malattia di Parkinson.

Diabete ed iperglicemia erano fortemente associati ad un aumento del danno neuronale e del deterioramento cognitivo. È stato inoltre evidenziato come l’incidenza della malattia di Parkinson nei pazienti con diabete dipenda dal trattamento farmacologico degli stessi: le diverse tipologie di farmaci antidiabetici sembrano possedere differenti effetti sulle funzioni neurologiche.

La possibilità di prevenire il diabete mellito di tipo II attraverso le modifiche dello stile di vita è ormai ben documentata. La dieta e l’educazione alimentare rappresentano uno dei cardini della terapia di tutte le forme di diabete. In particolare, nel paziente affetto da diabete di tipo II in sovrappeso o obeso, il solo calo di peso attenua l’insulino-resistenza e può da sola portare a normalizzare la glicemia. Tra le principali raccomandazioni vi è la riduzione del consumo di zuccheri semplici e di grassi saturi, l’incremento del consumo di fibra e l’importanza della prima colazione. Si consiglia inoltre di consumare pasti completi, di evitare periodi di digiuno prolungato e di suddividere equamente, nei tre pasti principali e nei due spuntini, la quota totale di carboidrati complessi.

A cura delle dott.sse Serena Caronni, Biologa Nutrizionista e Valentina Ferri, Medico Dietologo

FONTE: Uyar M, Lezius S, Buhmann C, Pötter-Nerger M, Schulz R, Meier S, Gerloff C, Kuhle J, Choe CU. Diabetes, Glycated Hemoglobin (HbA1c), and Neuroaxonal Damage in Parkinson's Disease (MARK-PD Study). Mov Disord. 2022 Apr 6. doi: 10.1002/mds.29009.

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson