Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

L’epilogo della storia degli idrocarburi come fattori ambientali di rischio per il Parkinson

Intervista al Professor Gianni Pezzoli, Direttore del Centro Parkinson ICP, nonché Presidente della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e dell'AIP Associazione Italiana Parkinsoniani

 

JH:  Quando ho letto la pubblicazione sulla metanalisi sui pesticidi e gli idrocarburi, mi sono ricordata del nostro primo incontro, quasi 15 anni fa, alla fine degli anni '90.  Allora il Centro Parkinson era aperto da poco.  Cercavate una persona di madrelingua inglese che vi aiutasse a finalizzare un manoscritto da presentare alla stessa rivista su cui ha pubblicato il Dr. Cereda, Neurology. Il manoscritto riguardava gli idrocarburi.  E la persona che avete trovato ero io.  

GP:  Sì, è vero.  Ed il manoscritto venne accettato e pubblicato nel 2000.  Grazie ancora per l'aiuto.



JH:  Mi ricordo che il problema riguardava artigiani che lavoravano senza opportuna protezione nell'ambito di piccole aziende familiari, ma non mi ricordo più i dettagli.  Come avete fatto ad individuare questo fattore di rischio per la malattia di Parkinson?  Se non erro, siete stati i primi, non è vero?

GP:  Per quanto mi risulta, sì, siamo stati i primi a segnalare in letteratura questo fattore di rischio scrivendo una lettera alla rivista The Lancet nel 1989.  A quei tempi avevamo visto che molti pazienti parkinsoniani erano artigiani che lavoravano a stretto contatto con materiali contenenti idrocarburi solventi: per esempio, artigiani che lavoravano il cuoio con le colle in ambienti chiusi, imbianchini che respiravano tutto il giorno le esalazioni provenienti dalle vernici oppure meccanici che immergevano le braccia nella benzina.  Dopo alcuni anni, abbiamo individuato le sostanze che questi materiali avevano in comune: gli idrocarburi solventi.  
Vi era il sospetto, ma mancava una dimostrazione.  Ecco perché la Fondazione ha sponsorizzato uno studio su questi pazienti negli anni '90, lo studio descritto nel manoscritto che Lei ci ha aiutato a pubblicare.



JH:  Mi ricordo che lo chiamavate lo studio “dei 990”.   Perché?

GP:  Perché abbiamo incluso nello studio 990 pazienti.  Per una dimostrazione solida, bisogna sempre includere un numero elevato di pazienti. Abbinando i pazienti con una storia di esposizione ad idrocarburi solventi a pazienti di controllo non esposti, abbiamo dimostrato che l'esposizione era associata ad una anticipazione dell’esordio della malattia e da una maggiore gravità della malattia stessa.



JH:  E questo bastava a dimostrare che gli idrocarburi sono un fattore di rischio per la malattia di Parkinson?

GP:  Rafforzava molto il sospetto, ma non era una prova definitiva.



JH:  Ma poi avete condotto altri studi.

GP:   Certo.  Innanzitutto abbiamo confermato il rilievo con le neuroimmagini dei nuclei cerebrali ottenute con la tecnica SPECT ed il tracciante DatScan, che presenta una alta affinità per i trasportatori della dopamina.  Questa tecnica permette di ottenere una stima affidabile dei neuroni dopaminergici ancora presenti.  Lo studio ha rilevato livelli significativamente più bassi dei trasportatori della dopamina nei pazienti esposti agli idrocarburi solventi rispetto ai non esposti, confermando che l'esposizione è associata a malattia più grave.



JH:  Ma non tutte le persone esposte si ammalano, vero?

GP:  No.  Ci siamo chiesti perché ed abbiamo trovato una possibile spiegazione.  Abbiamo appurato che i pazienti parkinsoniani sono poveri metabolizzatori (ovvero il loro organismo fa fatica a spezzettare ed eliminare) uno degli idrocarburi solventi più importanti, l'n-esano rispetto a soggetti sani.  Inoltre, abbiamo visto che con l'età la capacità di metabolizzare questa sostanza, già bassa in partenza, si riduce ulteriormente, un rilievo compatibile con l'esordio della malattia in età non più giovane.



JH:  Nessun altro ha fatto studi sugli idrocarburi?

GP:  Sì, è stato pubblicato uno studio da parte  di un gruppo di ricercatori della Università di Nottingham in collaborazione con la famosa azienda automobilistica Rolls-Royce. Essi hanno evidenziato che una prolungata esposizione agli idrocarburi è associata ad un rischio aumentato di quasi 4 volte di sviluppare la malattia di Parkinson.


 
JH:  Oggi si parla molto di genetica.  C'è qualche studio che mette in relazioni gli idrocarburi e la genetica?


GP:  C’è uno studio sui gemelli che esclude che i casi fossero dovuti ad una causa genetica, rafforzando il ruolo degli idrocarburi come fattore ambientale.  La Dr.ssa Tanner, nota ricercatrice californiana che studia i fattori di rischio per la malattia di Parkinson ha effettuato uno studio su 99 coppie di gemelli veterani della II Guerra Mondiale, di cui uno affetto da malattia di Parkinson e l'altro no, facendo loro rispondere ad un questionario atto ad evidenziare eventuali esposizioni nel corso della loro vita.  E' emerso che il rischio di sviluppare il Parkinson era quasi raddoppiato (1,7 volte) dall'esposizione anche a uno solo di questi composti. L'intervallo medio tra l'inizio dell'esposizione e la manifestazione dei sintomi era lungo (da 10 a 40 anni).

 


JH:  Questa sì che era una prova!  Inoltre, l'aumento del rischio è simile a quello che è stato trovato nel lavoro attuale (rischio 1,6).  Non era sufficiente?

 

GP:  Sì, certo, a quel punto le prove a favore del ruolo degli idrocarburi solventi erano notevoli, ma vi erano ancora ricercatori poco convinti, perché pubblicazioni importanti sui fattori di rischio ambientali per la malattia di Parkinson non li includevano.

 


JH:  Come mai?


GP:  In genere gli studi sulla esposizione non vengono effettuati mentre il soggetto è esposto, perché la malattia compare anni dopo e la memoria inganna.  Non tutti i soggetti si ricorda (o magari non hanno mai saputo) come effettivamente era l’ambiente in cui lavoravano o vivevano a distanza di anni,  Pertanto il margine di errore è notevole.

 


JH:  Ed ora il lavoro con il dottor Cereda che cosa aggiunge?


GP:   Il lavoro ha fornito un tipo di prova diverso che mancava. Mi spiego.  E' chiaro che non si potrà mai svolgere lo studio che dimostri il ruolo causale degli idrocarburi per motivi etici.  Pertanto l'unica possibilità sono gli studi con lo scopo di dimostrare che vi è una associazione.  Questo tipo di studi è sempre soggetto a critiche perché la dimostrazione di una associazione non dimostra con sicurezza un rapporto di causalità.  Per esempio, nel dopo guerra l'altezza media degli italiani è aumentata molto.  Allo stesso tempo è aumentato anche il livello di istruzione.  Tuttavia, il livello di istruzione non è causato dall'aumento dell’altezza.  I due fattori sono aumentati allo stesso tempo perché entrambi dipendono da un altro fattore – il miglioramento dello stato socio-economico.  Ecco perché un altro lavoro sulla associazione non serviva, serviva una prova di tipo diverso ed il Dr. Cereda l'ha fornita.  La metanalisi è uno strumento accettato dalla comunità scientifica, che la riconosce come un livello di dimostrazione superiore a quella del singolo studio.

 


JH:  Allora adesso il ruolo della esposizione agli idrocarburi-solventi come fattore di rischio per la malattia di Parkinson è dimostrato.  Si tratta solo di una curiosità scientifica oppure ha dei risvolti pratici?


GP:  Questo risultato ha dei risvolti pratici.  Gli idrocarburi solventi sono composti che sono presenti in molti prodotti usati nella vita quotidiana, come la trielina, la benzina, le vernici, le colle, i lubrificanti, gli sgrassanti e prodotti per la pulizia. Innanzitutto, vi è la necessità di areare sufficientemente gli ambienti di lavoro dove vengono usate queste sostanze.  Per fortuna, ormai l'esposizione a queste sostanze in ambienti professionali è un ricordo del passato.  Dobbiamo comunque evitare l’esposizione anche in casa, per es. areare bene ambienti in cui le pareti o mobili sono stati riverniciati, usare le colle e gli sgrassanti con i guanti.  Inoltre, il neurologo dovrà tenere presente che il paziente con una storia di esposizione a queste sostanze potrebbe essere più resistente alle terapie, perché ha una probabilità maggiore di avere una malattia più grave.

 


JH:  Grazie, Professore.  E così arriviamo all'epilogo della storia degli idrocarburi-solventi, alla conclusione di un progetto di ricerca della Fondazione Grigioni, che ha raggiunto i suoi obiettivi con un pieno successo.  Speriamo che sia così anche per il suo progetto attualmente in corso, il progetto di mettere a punto una terapia a base di cellule staminali per il Parkinson.