fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Nuove evidenze che studi sul microbioma possono portare ad una cura

microtubuliIl microorganismo B. Subtilis può inibire l'aggregazione della proteina alfa-sinucleina (però stiamo parlando di vermi usati in laboratorio)

È noto da tempo che i tipici corpi di Lewy che compaiono nelle cellule nervose malate di Parkinson sono principalmente costituite da aggregati della proteina alfa-sinucleina malripiegata. Si ritiene che questi aggregati possano essere alla base dello sviluppo della malattia.

Ricercatori scozzesi hanno scoperto che il microorganismo Bacillus subtilis, che fa parte della flora intestinale, è in grado non solo di inibire, ma anche di far regredire l’aggregazione della alfa-sinucleina in un modello di laboratorio messo a punto in vermi nematodi. Gli effetti sono mediati da modifiche della via metabolica degli sfingolipidi. Hanno stabilito anche che gli effetti possono essere ottenuti anche tramite un estratto dei bacilli e quindi che alla base dell’effetto è una sostanza prodotta dal bacillo (un suo metabolita) piuttosto che il microorganismo stesso.

Questa scoperta conferma la importanza di ricerche sul microbioma ovvero sulla flora intestinale, che è alterata nella malattia di Parkinson. Apre nuove prospettive per terapie anti-parkinson volte a modificare la flora intestinale tramite interventi alimentari e/o la somministrazione di metaboliti batterici protettivi.

Ricordiamo che sono ancora in corso analisi sui dati raccolti sul microbioma di pazienti parkinsoniani nell’ambito dello studio sponsorizzato dalla Fondazione Grigioni.

 

Fonte: Goya ME e coll Cell Reports 2020; 30 (2): 367-380

 

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !