Menu

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Puoi cliccare su “Approvo tutti” per accettare tutte le categorie di cookie oppure rifiutare i cookie e continuare a navigare, saranno installati solo cookie tecnici. Per saperne di piu'

Declino Approvo tutti
Approvo selezionati

Informativa sull'uso dei cookie

  •  

    PREMESSE

    I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente. La legge afferma che si possono memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

    Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocati da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine. Per modificare o revocare il proprio consenso per l'utilizzo dei cookie sul nostro sito web, cliccare qui.

    L'informativa completa sulla privacy si trova alla pagina Privacy policy

    L’informativa è resa solo per il sito www.parkinson.it della Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

     

  • COOKIE NECESSARI

    I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie. Sono altresì definiti come cookie tecnici.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

PHPSESSID

parkinson.it

Preserva gli stati dell'utente nelle diverse pagine del sito.

Sessione

HTTP

cookieconsent

parkinson.it

Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente

1 anno

HTTP

cookieconsent_p

parkinson.it

Consenso ai cookie di preferenze

1 anno

HTTP

cookieconsent_s

parkinson.it

Consenso ai cookie di statistiche

1 anno

HTTP

cookieconsent_m

parkinson.it

Consenso ai cookie di profilazione

1 anno

HTTP

nrid

parkinson.it

Codice univoco del visitatore per visualizzare i banner di annunci

3 mesi

HTTP

engagebox_ID

parkinson.it

Usato per decidere se il banner ID è stato chiuso e deve rimanere chiuso

3 mesi

HTTP

SSID, SID, SAPISID, NID, HSID, APISID

Google

Cookie utilizzati da Google Maps che sono necessari per il funzionamento delle mappe dinamiche. Il contenuto e la loro creazione non sono direttamente controllabili poiché generati automaticamente all'inclusione della mappa dinamica.

Sessione

HTTP

 

COOKIE DI PREFERENZE

Sono cookie utilizzati per modificare l'aspetto del sito o il comportamento: sono impostazioni non strettamente necessarie al corretto utilizzo.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

lang

LinkedIn

Determina la lingua scelta del sito

Sessione

HTTP

NID

Google

Contiene un ID univoco che Google utilizza per ricordare le tue preferenze e altre informazioni, come la tua lingua preferita (es. italiano), quanti risultati di ricerca desideri visualizzare per pagina (es. 10 o 20) e se desideri che il filtro SafeSearch di Google sia attivato.

6 mesi

HTTP

1P_JAR

Google

Memorizza le preferenze di Google Maps e le informazioni dell’utente ogni volta che visita pagine web contenenti servizi di Google

1 mese

HTTP

 

  •  

    COOKIE STATISTICI

    Questi cookie aiutano a capire come i visitatori interagiscono sul sito web, aggregando i dati di navigazione in forma anonima.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

ln_or

LinkedIn

Registra dati statistici sul comportamento dei utenti sul sito web. Questi vengono utilizzati per l'analisi interna dall'operatore del sito.

1 giorno

HTTP

PageViewCount

Google

Questo cookie viene utilizzato per identificare la frequenza delle visite e il tempo di permanenza sul sito. Il cookie viene anche utilizzato per determinare quante e quali sottopagine vengono visualizzate dal visitatore del sito; queste informazioni possono essere utilizzate dal sito per ottimizzare il dominio e le relative sottopagine.

1 giorno

HTTP

TimeOnSite

Google

Memorizza i dati sul tempo trascorso sul sito web e le relative sottopagine durante la sessione corrente.

1 giorno

HTTP

collect

Google

Utilizzato per inviare dati a Google Analytics in merito al dispositivo e al comportamento dell'utente. Tiene traccia dell'utente su dispositivi e canali di marketing.

Session

Pixel

AnalyticsSyncHistory

LinkedIn

Utilizzato nel contesto della sincronizzazione dei dati con il servizio di analisi di terze parti.

29 giorni

HTTP

_ga

Google

Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.

2 anni

HTTP

_gat

Google

Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste

1 giorno

HTTP

_gid

Google

Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet.

1 giorno

HTTP

_ga_#

Google

Utilizzato da Google Analytics per raccogliere dati sul numero di volte che un utente ha visitato il sito internet, oltre che le dati per la prima visita e la visita più recente.

2 anni

HTTP

OTZ

Google

Viene utilizzato da Google Analytics per tenere traccia delle informazioni sul traffico al sito Web

Sessione

HTTP

ANID, SIDCC, _Secure-APISID, _Secure-HSID, _Secure-SSID, SEARCH_SAMESITE, __Secure-3PAPISID, __Secure-3PSID

Google

Cookie utilizzati per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito da parte dei visitatori ogni volta che vengono visitate pagine web contenenti servizi di Google.

2 anni

HTTP

_cksk

Microsoft

Utilizzato da Microsoft Clarity per combinare le pagine viste da un utente in una singola sessione

1 giorno

HTTP

 

  •  

    COOKIE DI PROFILAZIONE

    I cookie di profilazione vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente. Di norma utilizziamo servizi di terze parti forniti da Google, Meta (Facebook), Microsoft e LinkedIn per i quali si rimanda alla rispettiva informativa.

Nome

Sorgente

Scopo

Scadenza

Tipo

_uetsid

Microsoft

Utilizzato per tracciare i visitatori su più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari pertinenti in base alle preferenze del visitatore. Utilizzato dal motore di ricerca bing.com

Persistente

HTML

_uetsid_exp

Microsoft

Contiene la data di scadenza del cookie con il nome corrispondente. 

Persistente

HTML

_uetvid

Microsoft

Utilizzato per tracciare i visitatori su più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari pertinenti in base alle preferenze del visitatore.

Persistente

HTML

_uetvid_exp

Microsoft

Contiene la data di scadenza del cookie con il nome corrispondente. 

Persistente

HTML

MUID/CLID

Microsoft

Utilizzato ampiamente da Microsoft come ID utente univoco. Il cookie consente il tracciamento dell'utente tramite la sincronizzazione dell'ID sui vari domini di Microsoft.

1 anno

HTTP

_clck

Microsoft

Memorizza un unico ID utente per Microsoft Clarity

1 anno

HTTP

__exponea_last_session_ping_timestamp__ 

Google

Questo cookie viene utilizzato per determinare quali prodotti il ​​visitatore ha visualizzato. Queste informazioni vengono utilizzate per promuovere prodotti correlati e ottimizzare l'efficienza pubblicitaria.

Persistente

HTML

__exponea_last_session_start_timestamp__ 

Google

Questo cookie viene utilizzato per determinare quali prodotti il ​​visitatore ha visualizzato. Queste informazioni vengono utilizzate per promuovere prodotti correlati e ottimizzare l'efficienza pubblicitaria.

Persistente

HTML

IDE

Google

Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente.

1 anno

HTTP

pagead/landing

Google

Raccoglie dati sul comportamento dei visitatori da più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari più pertinenti. Ciò consente inoltre al sito web di limitare il numero di volte che un visitatore viene mostrato lo stesso annuncio.

Sessione

Pixel

xnpe_#-#-#-#-# 

Google

Questo cookie registra dati sul visitatore. Le informazioni vengono utilizzate per ottimizzare la pertinenza dell'annuncio.

399 giorni

HTTP

fr

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.

3 mesi

HTTP

tr

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.

Sessione

Pixel

fbsr_

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per recuperare l'identificativo dell'applicazione utilizzata

Sessione

HTTP

ads/ga-audiences

Google

Usato da Google AdWords per reingaggiare visitatori propensi a convertirsi in clienti basandosi sul comportamento online in diversi siti.

Sessione

Pixel

pagead/1p-user-list/#

Google

Monitora se l'utente ha mostrato interesse per specifici prodotti o eventi su più siti web e rileva come l'utente naviga tra i siti. Viene usato per valutare le attività pubblicitarie e facilita il pagamento delle commissioni per il reindirizzamento tra i siti.

Sessione

Pixel

bcookie

LinkedIn

Utilizzato dal servizio di social network LinkedIn per tracciare l'utilizzo di servizi integrati.

1 anno

HTTP

bscookie

LinkedIn

Utilizzato dal servizio di social network LinkedIn per tracciare l'utilizzo di servizi integrati.

1 anno

HTTP

li_sugr

LinkedIn

Raccoglie dati sul comportamento e l'interazione degli utenti, per ottimizzare il sito e rendere più rilevante la pubblicità mostrata.

3 mesi

HTTP

lidc

LinkedIn

Utilizzato dal servizio di social network LinkedIn per tracciare l'utilizzo di servizi integrati.

1 giorno

HTTP

UserMatchHistory

LinkedIn

Garantisce la sicurezza della navigazione per il visitatore, impedendo la falsificazione di richieste incrociate. Questo cookie è essenziale per la sicurezza del sito e del visitatore. 

29 giorni

HTTP

_fbp

Meta Platforms, Inc.

Utilizzato da Facebook per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.

3 mesi

HTTP

_gcl_au 

Google

Utilizzato da Google AdSense per sperimentare l'efficacia pubblicitaria su tutti i siti web che utilizzano i loro servizi.

3 mesi

HTTP

_uetsid

Microsoft

Raccoglie dati sul comportamento dei visitatori da più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari più pertinenti. Ciò consente inoltre al sito web di limitare il numero di volte che un visitatore viene mostrato lo stesso annuncio.

1 giorno

HTTP

_uetvid

Microsoft

Utilizzato per tracciare i visitatori su più siti web, al fine di presentare annunci pubblicitari pertinenti in base alle preferenze del visitatore.

1 anno

HTTP

A3

Yahoo

Raccoglie informazioni sul comportamento degli utenti su più siti web. Questa informazione è utilizzata al fine di ottimizzare la rilevanza della pubblicità.

1 anno

HTTP

DEVICE_INFO

YouTube

Informazioni sul dispositivo utente per ottimizzare il video

179 giorni

HTTP

VISITOR_INFO1_LIVE

YouTube

Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati.

179 giorni

HTTP

YSC

YouTube

Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente.

Sessione

HTTP

ytidb::LAST_RESULT_ENTRY_KEY

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Persistente

HTML

yt-remote-cast-available

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-cast-installed

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-connected-devices

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Persistente

HTML

yt-remote-device-id

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Persistente

HTML

yt-remote-fast-check-period

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-session-app

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

yt-remote-session-name

YouTube

Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato

Sessione

HTML

 

itenfrdees

34° Convegno AIP, Cervia 28.01.12 - sessione sulla riabilitazione

convegno AIP 2011

Riabilitazione: il nuovo futuro con approcci e macchinari mirati per il Parkinson

Relatori: Dr. G. Frazzitta (Montescano, Pavia), Dr. L. Barbato (Seriate, Bergamo)

La terapia farmacologica e la terapia chirurgica (DBS) hanno dato ai pazienti parkinsoniani un aspettativa di vita elevata, ma non una buona qualità di vita, perché hanno scarsa efficacia sui disturbi del cammino e dell’equilibrio. Inoltre, i farmaci agiscono solo sul sistema dopaminergico, mentre nella malattia di Parkinson sono coinvolti anche altri sistemi neurotrasmettitoriali. Essi agiscono essenzialmente sulla velocità del gesto, ma non sull’inizio del movimento, che i pazienti parkinsoniani hanno disimparato. Il paziente parkinsoniano non ricorda come iniziare a camminare, come alzarsi da una sedia, come girarsi nel letto, come usare la mano. Gli insuccessi nell’iniziare i movimenti scoraggiano il paziente che molto spesso rinuncia a compierli. Questo innesca un ciclo vizioso, in quanto la mancanza di movimento determina un ulteriore peggioramento e con il tempo compaiono complicanze, quali cadute con frattura, stipsi, dolore, insonnia.

Fisioterapia intensiva con il tapis roulant (tappeto ruotante)

La riabilitazione del paziente parkinsoniano non è una semplice ginnastica. E’ un programma intensivo di rieducazione specifica per la malattia di Parkinson, basata su evidenze scientifiche, che permette di re-imparare la corretta sequenza dei gesti. Gli esercizi vanno spiegati e vanno utilizzate macchine appropriate, come il tapis roulant (tappeto ruotante), che permette di riprodurre l’esercizio in maniera costante e regolare. Studi in animali resi parkinsoniani hanno dimostrato che un uso intensivo del tappeto ruotante per 4 settimane migliora notevolmente il cammino e l’equilibrio, con considerevole aumento di fattori di crescita e maggiore conservazione dei neuroni dopaminergici nelle aree cerebrali colpite (1). Inoltre, l’esercizio promuove un aumento dei recettori D2 e della liberazione di dopamina, che attenua gli squilibri a livello di altri circuiti nei gangli della base (2). Studi recenti hanno mostrato che una terapia riabilitativa intensiva sul tappeto ruotante in aggiunta a terapia farmacologica a base di rasagilina migliora in maniera significativa la capacità di svolgere le attività quotidiane e la sintomatologia motoria parkinsoniana rispetto alla rasagilina da sola (3); anche il miglioramento delle discinesie (movimenti involontari) è stato significativamente maggiore con la riabilitazione intensiva in uno studio di confronto tra riabilitazione intensiva (con tapis roulant ed un approccio multidisciplinare) ed un programma di riabilitazione classica (riduzione delle discinesie del 71% rispetto a solo 8%)(4).

Oltre agli esercizi sul tappeto ruotante, vanno effettuati esercizi per migliorare la propriocettività ovvero la capacità di percepire dove si trova il proprio corpo nello spazio, nonché esercizi per migliorare la funzionalità fine delle mani.

La riabilitazione va iniziata presto, nelle prime fasi della malattia, affinchè il circolo vizioso esposto sopra non si instauri. E’ stato dimostrato che anche in pazienti nelle prime fasi della malattia, che non hanno ancora iniziato un trattamento farmacologico, vi è già una compromissione del cammino: passi più corti, aumento della durata del passo, aumento del tempo di appoggio del piede, riduzione del tempo di oscillazione, alterazione della ritmicità dei movimenti (5). Quindi fin dall’inizio della malattia appare il difetto principale del cammino parkinsoniano ovvero l’accorciamento del passo che viene inizialmente compensato con un aumento della cadenza (6)

E’ da tenere presente che l’esercizio contribuisce alla salute del cervello in generale. E’ ampiamente dimostrato che, oltre ad aumentare la produzione dei fattori di crescita, rafforza le connessioni nervose (le "sinapsi"), promuove la neurogenesi e riduce una serie di fattori di rischio cardiovascolare (diabete, ipertensione) che possono avere effetti negativi sulla funzionalità cerebrale (7). Inoltre, nella popolazione generale, riduce il rischio di declino cognitivo e di demenza , nonché di sviluppare la malattia di Parkinson (8). Questo suggerisce che possa rallentare la progressione della malattia (9). Infine, la longevità correla positivamente con l’attività fisica in pazienti con malattia di Parkinson (10)

L’approccio multidisciplinare

Per una riabilitazione completa bisogna adottare l’approccio multidisciplinare, in quanto la fisioterapia è una componente importante, ma non la sola. Esistono anche la terapia occupazionale che promuove la manualità, la logopedia per la fonazione e la deglutizione, la musicoterapia che promuove l’espressione creativa. Bisogna poi consultare il nutrizionista per impostare una dieta corretta, l’assistente sociale per assicurare l’integrazione, il neuropsicologo per valutare le funzioni cognitive e lo psicologo clinico per risolvere eventuali problemi emozionali e nei rapporti interpersonali, a seconda del caso.

In questo modo si effettua una serie di interventi finalizzati a diminuire la disabilità e migliorare la qualità di vita attraverso il recupero della menomazione, l’ottimizzazione delle abilità residue ed il miglioramento della partecipazione.

Questo è possibile perché il sistema nervoso centrale è adattabile durante la vita (si parla di neuroplasticità) nonostante l’invecchiamento, le malattie neurodegenerative e le malattie croniche metaboliche. Tuttavia, il mantenimento della neuroplasticità dipende dalla necessità di affrontare situazioni nuove nella vita quotidiana, per cui è importante pianificare l’apprendimento di nuovi esercizi, che siano intensi, specifici, difficili e complessi. Questo è dimostrato non solo nell’animale, ma anche nell’uomo (2, 11).

La bicicletta in tandem e la pedana posturale

Un altro tipo di esercizio che ha permesso di ottenere buoni risultati nell’animale da esperimento è l’esercizio forzato. Di recente è stata messa a punto una bicicletta in tandem, che obbliga il paziente a pedalare secondo il ritmo imposto dal "capitano", imponendogli di compiere una attività aerobica forzata superiore al suo standard. I primi risultati nel Parkinson sono favorevoli (12)

Un altro dispositivo utile per la riabilitazione finalizzata al recupero dell’equilibrio è la pedana posturale "Balance System Biodex SD". Si tratta di una pedana mobile informatizzata costituita da: una pedana mobile (statica e con gradi di libertà crescenti da 1 a 12), schermo utilizzabile come feedback visivo di controllo motorio, personal computer e scheda di acquisizione dati. Trasforma il movimento angolare ad essa applicato (le oscillazioni correttive del paziente che si sforza di rimanere in equilibrio sulla pedana) in rappresentazioni grafiche e valori numerici relativi alla inclinazione, le forze applicate, il tempo di esecuzione, ecc). L’elaborazione dei valori numerici permette di ottenere un tracciato su video cui può essere associato un segnale acustico. La valutazione dei riflessi posturali del paziente avviene tramite una serie di test: il test di stabilità posturale: stazione eretta per 15 secondi con pedana in posizione statica senza riferimento visivo sullo schermo ed a occhi aperti, poi con correzione per il riferimento visivo del proprio baricentro sullo schermo, e poi con occhi chiusi sempre per 15 secondi; il test del rischio di caduta, effettuata in stazione eretta per 20 secondi con pedana mobile, il paziente deve cercare di mantenere il proprio punto di riferimento al centro del bersaglio visualizzato sullo schermo, i risultati vengono comparati con dati normativi per età; test del conflitto visivo statico: stazione eretta per 15 secondi portando occhiali a lenti opacizzate per valutare la stabilità posturale senza riferimento visivo all’orizzonte; test di spostamento latero-laterale e antero-posteriore: spostamenti sulla pedana con riferimento visivo sul bersaglio ed indicazione dello spostamento da fare tramite linee orizzontali rosse e verticali blu, 10 ripetizioni.

Bibliografia

1) Lau YS, Patki G, Das-Pania K, Le WD, Ahmad SO. Neuroprotective effects and mechanisms of exercise in a chronic mouse model of Parkinson’s disease with moderate neurodegeneration. Eur J Neurosci 2011; 33: 1264-1274

2) Petzinger GM, Fisher BE, Van Leeuwen JE et al Enhancing neuroplasticity in the basal ganglia: the role of exercise in Parkinson’s disease. Mov Disord 2010; 25 Suppl 1: s141-s145

3) Frazzitta G. Comunicazione personale. Dati che verranno presentati al prossimo congresso mondiale sui disturbi del movimento a Dublino.

4) Frazzitta G, Bertotti G, Morelli M, Riboldazzi G, Pelosijn E, Balbi P, Boveri N, Comi C, Turla M, Leva S, Felicetti G, Maestri R. Rehabilitation improves dyskinesias in parkinsonian patients: a pilot study comparing two different rehabilitative treatments. Rehabilitation, in press.

5) Baltadjeva R, Giladi N, Gruendilinger L, Peretz G, Hausdorff JM. Marked alterations in the gait timing and rhythmicity of patients with de novo Parkinson’s disease. Eur J Neurosci 2006; 24: 1815-20

6) Morris ME, Iansek R, Matyas TA, Summers JJ. The pathogenesis of gait hypokinesia in Parkinson’s disease. Brain 1994; 117: 1169-81

7) Cotman CW, Berchtold NC, Chritstie LA. Exercise builds brain health: key roles of growth factor cascades and inflammation. Trends Neurosci 2007; 30: 464-72

8) Xu Q, Park Y, Huang X et al. Physical activities and future risk of Parkinson’s disease. Neurology 2010; 75: 341-348

9) Frazzitta G, Bertotti G, Riboldazzi G, Turla M, Uccellini D, Boveri N, Guaglio G, Perini M, Comi C, BalbiP, Maestri R. Effectiveness of intensive inpatient rehabilitation treatment on disease progression in Parkinsonian patients: a randomized controlled trial with 1-year follow-up Neurorehabil Neural Repair, 2012;26(2):144-150. 10) Kuroda K. Tatara K, Takatorige T, Shinsho F. Effect of physicial exercise on mortality in patients with Parkinson’s disease. Acta Neurol Scand 1992; 86:55-59

11) Dobkin BH. Strategies for stroke rehabilitation. Lancet Neurol 2004; 3: 528-536

12) Alberts JL, Linder SM, Penko AL, Lowe MJ, Phillips M. It is not about the bike, it is about the pedaling: forced exercise and Parkinson’s disease. Exerc Sport Sci Rev 2011; 39: 177-86

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson