Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

34° Convegno AIP, Cervia 28.01.12 - sessione sulla riabilitazione

convegno AIP 2011

Riabilitazione: il nuovo futuro con approcci e macchinari mirati per il Parkinson

Relatori: Dr. G. Frazzitta (Montescano, Pavia), Dr. L. Barbato (Seriate, Bergamo)

La terapia farmacologica e la terapia chirurgica (DBS) hanno dato ai pazienti parkinsoniani un aspettativa di vita elevata, ma non una buona qualità di vita, perché hanno scarsa efficacia sui disturbi del cammino e dell’equilibrio. Inoltre, i farmaci agiscono solo sul sistema dopaminergico, mentre nella malattia di Parkinson sono coinvolti anche altri sistemi neurotrasmettitoriali. Essi agiscono essenzialmente sulla velocità del gesto, ma non sull’inizio del movimento, che i pazienti parkinsoniani hanno disimparato. Il paziente parkinsoniano non ricorda come iniziare a camminare, come alzarsi da una sedia, come girarsi nel letto, come usare la mano. Gli insuccessi nell’iniziare i movimenti scoraggiano il paziente che molto spesso rinuncia a compierli. Questo innesca un ciclo vizioso, in quanto la mancanza di movimento determina un ulteriore peggioramento e con il tempo compaiono complicanze, quali cadute con frattura, stipsi, dolore, insonnia.

Fisioterapia intensiva con il tapis roulant (tappeto ruotante)

La riabilitazione del paziente parkinsoniano non è una semplice ginnastica. E’ un programma intensivo di rieducazione specifica per la malattia di Parkinson, basata su evidenze scientifiche, che permette di re-imparare la corretta sequenza dei gesti. Gli esercizi vanno spiegati e vanno utilizzate macchine appropriate, come il tapis roulant (tappeto ruotante), che permette di riprodurre l’esercizio in maniera costante e regolare. Studi in animali resi parkinsoniani hanno dimostrato che un uso intensivo del tappeto ruotante per 4 settimane migliora notevolmente il cammino e l’equilibrio, con considerevole aumento di fattori di crescita e maggiore conservazione dei neuroni dopaminergici nelle aree cerebrali colpite (1). Inoltre, l’esercizio promuove un aumento dei recettori D2 e della liberazione di dopamina, che attenua gli squilibri a livello di altri circuiti nei gangli della base (2). Studi recenti hanno mostrato che una terapia riabilitativa intensiva sul tappeto ruotante in aggiunta a terapia farmacologica a base di rasagilina migliora in maniera significativa la capacità di svolgere le attività quotidiane e la sintomatologia motoria parkinsoniana rispetto alla rasagilina da sola (3); anche il miglioramento delle discinesie (movimenti involontari) è stato significativamente maggiore con la riabilitazione intensiva in uno studio di confronto tra riabilitazione intensiva (con tapis roulant ed un approccio multidisciplinare) ed un programma di riabilitazione classica (riduzione delle discinesie del 71% rispetto a solo 8%)(4).

Oltre agli esercizi sul tappeto ruotante, vanno effettuati esercizi per migliorare la propriocettività ovvero la capacità di percepire dove si trova il proprio corpo nello spazio, nonché esercizi per migliorare la funzionalità fine delle mani.

La riabilitazione va iniziata presto, nelle prime fasi della malattia, affinchè il circolo vizioso esposto sopra non si instauri. E’ stato dimostrato che anche in pazienti nelle prime fasi della malattia, che non hanno ancora iniziato un trattamento farmacologico, vi è già una compromissione del cammino: passi più corti, aumento della durata del passo, aumento del tempo di appoggio del piede, riduzione del tempo di oscillazione, alterazione della ritmicità dei movimenti (5). Quindi fin dall’inizio della malattia appare il difetto principale del cammino parkinsoniano ovvero l’accorciamento del passo che viene inizialmente compensato con un aumento della cadenza (6)

E’ da tenere presente che l’esercizio contribuisce alla salute del cervello in generale. E’ ampiamente dimostrato che, oltre ad aumentare la produzione dei fattori di crescita, rafforza le connessioni nervose (le "sinapsi"), promuove la neurogenesi e riduce una serie di fattori di rischio cardiovascolare (diabete, ipertensione) che possono avere effetti negativi sulla funzionalità cerebrale (7). Inoltre, nella popolazione generale, riduce il rischio di declino cognitivo e di demenza , nonché di sviluppare la malattia di Parkinson (8). Questo suggerisce che possa rallentare la progressione della malattia (9). Infine, la longevità correla positivamente con l’attività fisica in pazienti con malattia di Parkinson (10)

L’approccio multidisciplinare

Per una riabilitazione completa bisogna adottare l’approccio multidisciplinare, in quanto la fisioterapia è una componente importante, ma non la sola. Esistono anche la terapia occupazionale che promuove la manualità, la logopedia per la fonazione e la deglutizione, la musicoterapia che promuove l’espressione creativa. Bisogna poi consultare il nutrizionista per impostare una dieta corretta, l’assistente sociale per assicurare l’integrazione, il neuropsicologo per valutare le funzioni cognitive e lo psicologo clinico per risolvere eventuali problemi emozionali e nei rapporti interpersonali, a seconda del caso.

In questo modo si effettua una serie di interventi finalizzati a diminuire la disabilità e migliorare la qualità di vita attraverso il recupero della menomazione, l’ottimizzazione delle abilità residue ed il miglioramento della partecipazione.

Questo è possibile perché il sistema nervoso centrale è adattabile durante la vita (si parla di neuroplasticità) nonostante l’invecchiamento, le malattie neurodegenerative e le malattie croniche metaboliche. Tuttavia, il mantenimento della neuroplasticità dipende dalla necessità di affrontare situazioni nuove nella vita quotidiana, per cui è importante pianificare l’apprendimento di nuovi esercizi, che siano intensi, specifici, difficili e complessi. Questo è dimostrato non solo nell’animale, ma anche nell’uomo (2, 11).

La bicicletta in tandem e la pedana posturale

Un altro tipo di esercizio che ha permesso di ottenere buoni risultati nell’animale da esperimento è l’esercizio forzato. Di recente è stata messa a punto una bicicletta in tandem, che obbliga il paziente a pedalare secondo il ritmo imposto dal "capitano", imponendogli di compiere una attività aerobica forzata superiore al suo standard. I primi risultati nel Parkinson sono favorevoli (12)

Un altro dispositivo utile per la riabilitazione finalizzata al recupero dell’equilibrio è la pedana posturale "Balance System Biodex SD". Si tratta di una pedana mobile informatizzata costituita da: una pedana mobile (statica e con gradi di libertà crescenti da 1 a 12), schermo utilizzabile come feedback visivo di controllo motorio, personal computer e scheda di acquisizione dati. Trasforma il movimento angolare ad essa applicato (le oscillazioni correttive del paziente che si sforza di rimanere in equilibrio sulla pedana) in rappresentazioni grafiche e valori numerici relativi alla inclinazione, le forze applicate, il tempo di esecuzione, ecc). L’elaborazione dei valori numerici permette di ottenere un tracciato su video cui può essere associato un segnale acustico. La valutazione dei riflessi posturali del paziente avviene tramite una serie di test: il test di stabilità posturale: stazione eretta per 15 secondi con pedana in posizione statica senza riferimento visivo sullo schermo ed a occhi aperti, poi con correzione per il riferimento visivo del proprio baricentro sullo schermo, e poi con occhi chiusi sempre per 15 secondi; il test del rischio di caduta, effettuata in stazione eretta per 20 secondi con pedana mobile, il paziente deve cercare di mantenere il proprio punto di riferimento al centro del bersaglio visualizzato sullo schermo, i risultati vengono comparati con dati normativi per età; test del conflitto visivo statico: stazione eretta per 15 secondi portando occhiali a lenti opacizzate per valutare la stabilità posturale senza riferimento visivo all’orizzonte; test di spostamento latero-laterale e antero-posteriore: spostamenti sulla pedana con riferimento visivo sul bersaglio ed indicazione dello spostamento da fare tramite linee orizzontali rosse e verticali blu, 10 ripetizioni.

Bibliografia

1) Lau YS, Patki G, Das-Pania K, Le WD, Ahmad SO. Neuroprotective effects and mechanisms of exercise in a chronic mouse model of Parkinson’s disease with moderate neurodegeneration. Eur J Neurosci 2011; 33: 1264-1274

2) Petzinger GM, Fisher BE, Van Leeuwen JE et al Enhancing neuroplasticity in the basal ganglia: the role of exercise in Parkinson’s disease. Mov Disord 2010; 25 Suppl 1: s141-s145

3) Frazzitta G. Comunicazione personale. Dati che verranno presentati al prossimo congresso mondiale sui disturbi del movimento a Dublino.

4) Frazzitta G, Bertotti G, Morelli M, Riboldazzi G, Pelosijn E, Balbi P, Boveri N, Comi C, Turla M, Leva S, Felicetti G, Maestri R. Rehabilitation improves dyskinesias in parkinsonian patients: a pilot study comparing two different rehabilitative treatments. Rehabilitation, in press.

5) Baltadjeva R, Giladi N, Gruendilinger L, Peretz G, Hausdorff JM. Marked alterations in the gait timing and rhythmicity of patients with de novo Parkinson’s disease. Eur J Neurosci 2006; 24: 1815-20

6) Morris ME, Iansek R, Matyas TA, Summers JJ. The pathogenesis of gait hypokinesia in Parkinson’s disease. Brain 1994; 117: 1169-81

7) Cotman CW, Berchtold NC, Chritstie LA. Exercise builds brain health: key roles of growth factor cascades and inflammation. Trends Neurosci 2007; 30: 464-72

8) Xu Q, Park Y, Huang X et al. Physical activities and future risk of Parkinson’s disease. Neurology 2010; 75: 341-348

9) Frazzitta G, Bertotti G, Riboldazzi G, Turla M, Uccellini D, Boveri N, Guaglio G, Perini M, Comi C, BalbiP, Maestri R. Effectiveness of intensive inpatient rehabilitation treatment on disease progression in Parkinsonian patients: a randomized controlled trial with 1-year follow-up Neurorehabil Neural Repair, 2012;26(2):144-150. 10) Kuroda K. Tatara K, Takatorige T, Shinsho F. Effect of physicial exercise on mortality in patients with Parkinson’s disease. Acta Neurol Scand 1992; 86:55-59

11) Dobkin BH. Strategies for stroke rehabilitation. Lancet Neurol 2004; 3: 528-536

12) Alberts JL, Linder SM, Penko AL, Lowe MJ, Phillips M. It is not about the bike, it is about the pedaling: forced exercise and Parkinson’s disease. Exerc Sport Sci Rev 2011; 39: 177-86