Menu
Italian English French German Spanish

Microtubuli deboli nelle cellule dei malati di Parkinson

I microtubuli costituiscono un importante componente dell'equivalente dello scheletro nella cellula. Oltre a costituire l'impalcatura che ne mantiene la struttura, svolgono anche funzioni importanti nella moltiplicazione cellulare e nel trasporto di sostanze all'interno della cellula.

Ricercatori italiani hanno studiato i fibroblasti (cellule della pelle) di 15 pazienti parkinsoniani (di cui 6 con mutazioni della parkina e 6 con mutazioni del gene LRRK2) e di 10 volontari sani. Hanno osservato alterazioni significative nei fibroblasti di tutti i 15 pazienti. In particolare, le cellule dei pazienti presentavano una diversa morfologia e una massa di microtubuli nettamente inferiore, e quindi meno robusta e meno stabile, rispetto ai fibroblasti dei soggetti sani. La somministrazione di un farmaco che stabilizza i microtubuli, il farmaco anticancro taxolo, così come la correzione dei difetti genetici ha determinato il recupero della morfologia cellulare e della massa dei microtubuli. Questo induce a pensare che sia possibile mettere a punto una terapia innovativa per il Parkinson che abbia come bersaglio i microtubuli.

Cartelli D e coll PLoS ONE 2012; 7: e37467