Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

CELLULE STAMINALI: quali risultati dopo 12 mesi? Esperienze dei pazienti trattati. I nuovi studi

celluleRiassunto della tavola rotonda a Cervia, 30 gennaio 2010

- Risultati incoraggianti in Corea: migliorano non solo i sintomi, ma anche la funzione dei neuroni osservati nelle neuroimmagini
- Cellule della pelle trasformate direttamente in neuroni
- Ancora "viaggi della speranza"
- Studi sponsorizzati dalla Fondazione Grigioni
- Operativa da febbraio 2010 la stazione robotica per l'estrazione del DNA donata dalla Fondazione Grigioni. Permetterà rendere il lavoro molto più veloce e preciso.

Risultati incoraggianti in Corea: migliorano non solo i sintomi, ma anche la funzione dei neuroni osservati nelle neuroimmagini

Le ricerche sulle cellule staminali continuano a passo sostenuto, soprattutto nei paesi dove le attività non sono rallentate o addirittura non consentite dalle leggi locali e complicazioni burocratiche. Un esempio è la Corea del Sud, un paese che considera la ricerca sulle cellule staminali il suo fiore all'occhiello e fa di tutto per sostenere e facilitare il lavoro degli scienziati.

Ricercatori coreani (Lee e coll., Università di Suwan) hanno messo a punto una terapia a base di cellule staminali mesenchimali per pazienti con una forma grave di parkinsonismo, detto atrofia multi sistemica (MSA), La terapia consiste nel prelievo delle cellule del paziente dal midollo osseo, la loro espansione in provetta e poi la loro re immissione nel corpo per via intraarteriosa nelle arterie che portano il sangue al cervello, seguita da somministrazioni di richiamo ripetute per via endovenosa. Hanno confrontato 11 pazienti con MSA (età media 57 anni, mediamente 4 anni di malattia) sottoposti a questa terapia con 18 pazienti non trattati (età media 57 anni, mediamente 5,8 anni di malattia) per 12 mesi. Alla fine del periodo di osservazione i punteggi dei pazienti trattati erano stabili, ancora intorno ai valori di partenza, mentre quelli dei pazienti non trattati erano nettamente peggiorati. I ricercatori non danno grande importanza a questo risultato, perché i pazienti sapevano se erano stati trattati oppure no e quindi il punteggio potrebbe solo riflettere la loro convinzione di essere migliorati (effetto placebo). Tuttavia, alla fine dei 12 mesi alcuni dei pazienti (rispettivamente cinque e dieci) erano stati sottoposti alla PET, che ha documentato un' importante ripresa della funzione dei neuroni in aree cerebrali colpite solo nei pazienti trattati. Per quanto riguarda la sicurezza, sei pazienti (54%) hanno sviluppato febbre dopo le infusioni delle cellule, che ha risposto bene al paracetamolo (Tachipirina) e sono state osservati microemboli alla risonanza magnetica, tutti asintomatici, dopo la somministrazione intraarteriosa in sette pazienti (64%); i ricercatori hanno già trovato il modo di evitare questa complicazione.

Si attende la conferma di questi risultati preliminari estremamente incoraggianti in ulteriori studi. Il numero di pazienti trattato finora può sembrare modesto, esso è dovuto sia alla rarità della MSA che ai costi altissimi di uno studio che prevede l'uso della PET, la tecnica per immagini più precisa che esiste, indispensabile per la ricerca, ma molto costosa.


All'estero è partito un ulteriore studio nell'uomo che prevede il prelievo delle cellule staminali mesenchimali dal midollo osseo del paziente, la loro espansione e reintroduzione direttamente nello striato tramite chirurgia stereotassica (India) ed è in fase di progettazione uno studio che coinvolgerà diversi paesi Europei.


Cellule della pelle trasformate direttamente in neuroni

Infine, ricercatori americani hanno messo a punto una tecnica rivoluzionaria che permette di trasformare cellule mature della pelle in neuroni. Finora la tecnica è riuscita nel topo, ma gli scienziati sono già all'opera per metterla a punto nell'uomo. La tecnica permetterebbe di superare i problemi inerenti al trapianto di cellule staminali, non sempre controllabili e quindi associate al rischio di tumori: il passaggio a cellule staminali diventerebbe superfluo, inutile, si potrebbe prendere cellule mature della pelle del paziente e trasformarle direttamente nei neuroni dopaminergici che servono.



Ancora "viaggi della speranza"

Nonostante l'esortazione alla prudenza in occasione dell'ultimo convegno AIP a Montecatini, ulteriori pazienti si sono sottoposti a terapie a base di cellule staminali al di fuori del contesto di una sperimentazione clinica presso centri che non documentano in maniera trasparente quello che fanno, invariabilmente con risultati insoddisfacenti.

Sono state riportate due esperienze. Un paziente nel pubblico è venuto sul palco a riferire la sua esperienza presso il centro a Colonia, dove si è sottoposto al prelievo di cellule staminali mesenchimali, reintrodotte una volta sola nel liquido nel sistema nervoso centrale tramite puntura lombare. Il paziente, affetto da malattia di Parkinson, ha avuto l'impressione di avere riacquistato le forze, ma l'impressione è durata solo due settimane, dopo non vi è stato alcun risultato positivo. Il Dr Sacilotto, medico neurologo presso il centro Parkinson ICP a Milano, ha riferito la storia di un' altra paziente di 62 anni, affetta da MSA da 4-5 anni, sempre trattata a Colonia, che ha riferito di avere parzialmente recuperato la voce, ma il Dr Sacilotto non è stato in grado di trovare alcun miglioramento obiettivo.


Studi sponsorizzati dalla Fondazione Grigioni

La differenza tra la tecnica dei coreani, coronata dal successo, e quelle dei centri che offrono terapia a base di cellule staminali in giro per il mondo è che i coreani hanno pazientemente messo a punto la loro tecnica tramite esperimenti su modelli animali di Parkinson, mentre gli altri centri hanno completamente saltato questo passaggio.

Studi nella scimmia e sviluppo di modelli animali di Parkinson

Ecco perché la Fondazione Grigioni sponsorizza studi in modelli animali di Parkinson presso l'Istituto Scientifico San Raffaele a Milano.

Il responsabile del progetto, Dr. Vania Broccoli, ha spiegato come ha messo a punto un modello di Parkinson, in collaborazione con un centro altamente specializzato in Spagna (Prof Lanciego, Istituto CIMA a Pamplona) nell'animale più simile all'uomo in assoluto, la scimmia, e come intende usarlo per documentare gli effetti di terapie a base di cellule staminali (e/o la nuova tecnica per trasformare cellule della pelle in neuroni) non solo osservando l'andamento della sintomatologia, ma anche ottenendo neuro immagini PET.

Il gruppo si ripropone di sviluppare anche altri modelli animali della malattia, tra i quali un modello in un pesce detto zebrafish. L'utilità di questo modello risiede nel fatto che l'embrione di questo pesce si sviluppa in pochissimo tempo (giorni) per cui è possibile effettuare studi sullo sviluppo della malattia velocemente.

Non solo DNA, ma anche campioni di pelle

La banca del DNA, diretta dal Dr Goldwurm, medico genetista presso il centro Parkinson ICP a Milano, ha cominciato anche a conservare biopsie della pelle di pazienti parkinsoniani a scopo di ricerca. Questi campioni hanno ora acquistato notevole valore, alla luce delle nuove tecniche di trasformazione delle cellule della pelle in neuroni e la banca è stata contattata da potenziali acquirenti a scopo di lucro. La banca si è rifiutata di concederli, in quanto la politica è di donare i campioni esclusivamente a scopo di ricerca non finalizzata a scopi commerciali.

Analisi DNA più veloci

Infine il Dr Goldwurm ha riferito che la banca del DNA, grazie alla collaborazione con il Prof Duga dell'Università di Milano ed alla generosa sponsorizzazione della Fondazione Grigioni, ora dispone, grazie alla Fondazione Grigioni, di una stazione robotica che rende il lavoro di analisi del DNA molto più veloce. Tutto per fare più in fretta ed accorciare i tempi fino alle scoperte che permetteranno di curare il Parkinson!