fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Italian English French German Spanish

Il freezing nel Parkinson

freezingUn problema comune a molti pazienti.

 

Il freezing della marcia, ovvero il fenomeno per cui un paziente ha i piedi incollati a terra e non riesce a iniziare o a proseguire il cammino, mentre la parte superiore del corpo continua la sua traiettoria originale, è un problema grave sia perché limita grandemente l'autonomia del paziente sia perchè aumenta il rischio di caduta e le possibili fratture correlate, che richiedono l'ospedalizzazione.

Colpisce circa il 26% dei pazienti con Parkinson lieve e l'80% di quelli con Parkinson grave: infatti durante la progressione della malattia, il freezing si presenta più frequentemente e mostra una maggiore resistenza ai farmaci dopaminergici.

Un articolo recente ha rivalutato tutti i trial di intervento sul freezing nel Parkinson perché le linee guida attuali (cioè il documento che guida il medico nel trattamento della malattia) raccomandano un approccio per il trattamento del freezing non sempre uniforme, in particolare per quanto riguarda la riabilitazione.

Dall'analisi di moltissimi studi è emerso chiaramente che l'allenamento con gli ostacoli, l'allenamento sul tapis roulant, e la fisioterapia convenzionale hanno dimostrato benefici evidenti ed immediati sul freezing nei pazienti con Parkinson da lieve a moderato.

Dunque le istituzioni di riabilitazione dovrebbero prendere in considerazione l'adozione di questi protocolli di allenamento specifici per il freezing.
Dall'analisi degli studi inoltre emerge che dovrebbero essere ulteriormente studiati gli effetti delle strategie cognitive e dell'attenzione associate all'allenamento motorio.

Proprio per questo il Laboratorio Analisi del Movimento del Centro Parkinson e Parkinsonismi dell’ASST Gaetano Pini-CTO di Milano, realizzato nel 2019 grazie al finanziamento della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, sta studiando il freezing, perché l'acquisizione di conoscenze sui circuiti nervosi coinvolti nel freezing permetterà di proporre strategie terapeutiche e riabilitative innovative.

 

Fonte: Kwok JYY, et al. Managing freezing of gait in Parkinson's disease: a systematic review and network meta-analysis. J Neurol. 2022 Mar 4. doi: 10.1007/s00415-022-11031-z. Epub ahead of print. PMID: 35244766.

Pin It
Un lascito testamentario per un futuro senza Parkinson