Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

Correzione dell'asimmetria per migliorare il cammino

Dott. FasanoIntervista al Dottor Alfonso Fasano, dottorando di ricerca in neuroscienze presso il policlinico Gemelli dell'Università Cattolica di Roma e vincitore del Premio LIMPE per giovani ricercatori

Al rientro dal convegno organizzato dalla LIMPE (Lega Italiana contro la malattia di Parkinson, le Sindromi Extrapiramidali e le Demenze) nel mese di novembre 2008 il Prof Pezzoli, che ha moderato la sessione del Progetto Giovani, mi racconta che ha incontrato un brillante giovane ricercatore che ha lo affascinato con le sue idee. Le ricerche portate avanti da questo giovane stanno aprendo la strada a nuove terapie che potranno migliorare la qualità di vita dei parkinsoniani. Come? Mi dà un nome, Fasano, e mi dice di scoprirlo da sola, intervistandolo.

Al primo contatto il Dr Fasano mi dice che è ancora in Germania, dove ha trascorso un anno a fare ricerche, e mi dà un appuntamento ai primi di gennaio, quando sarà definitivamente rientrato in Italia.


Dr Fasano, mi fa piacere sentire che c'è un ricercatore che invece di fuggire all'estero rientra in Italia. Evidentemente è convinto di poter proseguire la Sua opera anche qui. Quale è il suo inquadramento presso l'Università cattolica e con quali fondi continuerà le Sue ricerche?

Sono un medico specializzato in neurologia presso il policlinico Gemelli dell'Università Cattolica di Roma da un anno. Attualmente svolgo il dottorato di ricerca in neuroscienze della durata di 3 anni. Ho proposto ai miei supervisori il trasferimento a Kiel, in Germania, usufruendo gli incentivi statali per i dottorandi di ricerca. Kiel perchè lì svolgono una attività chirurgica molto intensa nel campo della stimolazione profonda cerebrale (deep brain stimulation, DBS) (effettuano almeno un intervento tutte le settimane) ed hanno un ottimo laboratorio di cinematica dove potevo sottoporre i pazienti alle prove che mi interessavano per le mie ricerche.

Per quanto riguarda i fondi, ho inoltre il sostegno della Fondazione Neureca Onlus.


Il Premio Limpe è per una ricerca sul fenomeno del "freezing" (il congelamento dei piedi al pavimento) basata sull'uso della stimolazione cerebrale profonda. Come mai ha deciso di svolgere ricerche su questo sintomo della malattia di Parkinson in particolare?

Ho deciso di dedicarmi allo studio dei disturbi cosiddetti "assiali" che sono all'origine di problemi del cammino e dell'equilibrio per due motivi: 1) perchè compromettono gravemente la qualità di vita del paziente, contribuendo ad aumentare notevolmente il rischio di cadute e fratture, con conseguente aumento anche dei costi sociali della malattia. 2) perché la terapia antiparkinsoniana attualmente disponibile non permette ancora di controllarli adeguatamente. Questo vale sia per la terapia farmacologica che per la stimolazione cerebrale profonda.


Perchè ha studiato il "freezing" usando la tecnica DBS?

Le ricerche con l'uso della DBS derivano dall'osservazione che questa tecnica può addirittura peggiorare il cammino e causare il "freezing" se gli elettrodi sono posizionati male, non esattamente nel nucleo subtalamico, target di scelta per questi interventi. Inoltre, recentemente è stato dimostrato che i classici parametri usati per la DBS possono peggiorare il cammino probabilmente interferendo con il nucleo-peduncolo-pontino e gli altri centri locomotori collocati nel tronco-encefalo. Infatti, studi negli animali e nei pazienti sottoposti ad impianto di elettrodi nel nucleo peduncolo pontino dimostrano che gli effetti sulla marcia sono positivi se si usano basse frequenze di stimolazione mentre deleteri quando si applicano le alte frequenze comunemente impiegate per la stimolazione del nucleo subtalamico.

Inoltre, diverse linee di ricerca hanno ipotizzato che alla base del freezing ci sia una marcata asimmetria del passo. Come è noto, la malattia di Parkinson generalmente colpisce gli arti in maniera disuguale, per cui il paziente avrà una gamba più veloce dell'altra. Da qui l'idea di provare a modificare la stimolazione nei pazienti portatori di elettrodi nei due emisferi cerebrali e vedere se questo aveva un'influenza sulla simmetria e conseguentemente sul cammino. Il problema era capire quale logica seguire. Questo tipo di approccio è l'unico in grado di dimostrare se l'asimmetria è causa o semplice epifenomeno di una malattia più avanzata. Pertanto ho condotto una ricerca per dimostrare queste ipotesi.


In che cosa è consistita la ricerca ?

Ho analizzato il cammino di 22 pazienti parkinsoniani sottoposti ad intervento di DBS su un tappeto ruotante prima e dopo una serie di modifiche dei parametri di stimolazione. Ho anche analizzato il cammino di 10 soggetti di controllo di pari età e sesso.


Che cosa ha scoperto?

La modifica dei parametri di stimolazione induceva un cambiamento della lunghezza del passo dal lato opposto a quello in cui venivano apportate le modifiche, e questo aumentava o riduceva l'asimmetria del cammino. Un aumento dell'asimmetria peggiorava il tempo di "freezing", facendolo mediamente raddoppiare, mentre una riduzione dell'asimmetria ha ridotto il tempo di "freezing" del 90%.

La conclusione è che l'asimmetria della marcia è una delle cause del "freezing".


Che ricaduta ha questa scoperta in clinica?

Da ora in poi, se il paziente sottoposto a DBS riferisce al neurologo che ha avuto episodi di "freezing", quest'ultimo potrà analizzare il cammino e poi modificare di conseguenza i parametri di neurostimolazione in modo da ridurre il fenomeno.

È da tenere presente, comunque, che l'asimmetria non è l'unica causa del freezing, per cui l'entità del miglioramento varierà da paziente a paziente.

Ha in cantiere ulteriori studi sul Parkinson?


Sì, continuando la collaborazione con i colleghi tedeschi stiamo esaminando l'effetto dell'asimmetria nei pazienti non portatori di DBS modificando in condizioni sperimentali il suolo calpestato da ciascuna gamba. Inoltre, al Gemelli stiamo svolgendo studi sulla stimolazione elettrica extradurale della corteccia motoria, un altro tipo di terapia chirurgica per il Parkinson che sembra avere maggiori effetti proprio sul cammino.

Se non erro è la terapia che ha permesso ad una ragazza di svegliarsi dal coma poche settimane fa.

Sì, è vero, è la stessa tecnica ma, se mi si consente, io non parlerei di vero e proprio risveglio quanto piuttosto di passaggio ad uno stato di minima coscienza, cosa ben diversa dal "risveglio" dal coma. Questa tecnica viene usata per diversi tipi di patologie. L'utilità nel Parkinson e negli altri disturbi del movimento è stato scoperta per caso, stimolando un paziente distonico per ridurre un dolore di origine centrale.

Spero di potere svolgere studi sull'altro tipo di disturbo che compromette gravemente la qualità di vita dei pazienti parkinsoniani ovvero i disturbi del linguaggio: in qualche caso la stimolazione della corteccia motoria ha migliorato proprio il linguaggio, avvalorando anche una comune patogenesi per i disturbi del cammino e della parola.



Che cosa intende fare?

Per ora completare gli studi per i quali ho ricevuto il finanziamento, per il resto è troppo presto ancora per parlarne.


Allora ci sentiamo in futuro, magari tra un anno.

Con vero piacere, per allora spero di avere nuove idee, nuove domande e se possibile qualche risposta in più.


Arrivederci allora, e complimenti ancora per lo studio sull'asimmetria.