Menu
Italian English French German Spanish

Sottotipi di malattia di Parkinson pregrediscono in maniera diversa

L'andamento di 166 pazienti seguiti per 39 anni

Ricercatori canadesi hanno seguito 166 pazienti parkinsoniani per 39 anni suddivisi a seconda della sintomatologia predominante in acinetici/rigidi (AR n=43), tremorigeni (T n=13) o misti (M n=110). La diagnosi è stata confermata dall'autopsia in tutti i casi.

I pazienti T hanno avuto un esordio mediamente più in giovane età dei pazienti AR (T 55 anni rispetto a AR 66 anni ed M 65 anni) ed una durata di malattia fino al decesso più lunga (19 anni rispetto a AR 13 anni e M 14 anni), anche se sono deceduti mediamente più giovani (T 74 anni rispetto a AR 79.5 anni e M 79 anni). Inoltre, i pazienti T avevano risposto più frequentemente alla levodopa (92% rispetto a AR 79%, ma M 99%), la progressione allo stadio Hoehn & Yahr 4 era stata più lenta (mediamente T 20,5 anni rispetto a 11.7 anni e 12,3 anni), avevano sviluppato più frequentemente una perdita di efficacia della levodopa verso la fine dell'intervallo tra una dose e la successiva (wearing off) (T46% rispetto a AR 26%, ma M 41%) ed avevano sviluppato meno frequentemente demenza (23% rispetto a AR 58% ed M 40%).


Rajput AH et al Neurology 2009; 73: 206-212