fbpx
Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sulla Privacy

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL’ART.13, D.LGS. 196/2003
CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DI DATI PERSONALI


PREMESSE

In questa pagina vengono descritte le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.
Si tratta di un’informativa che è resa (sul modello di quella adottata dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali) anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo:

http://www.parkinson.it

corrispondente alla pagina iniziale del sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson.
L’informativa è resa solo per il sito della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL "TITOLARE" ED IL "RESPONSABILE" DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il "Titolare" del loro trattamento è la Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, che ha sede in Milano (Italia), via Zuretti n.35, 20125.
Il "Responsabile" del Trattamento è la Signora Ileana Sconfietti, c/o Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, via Zuretti n.35, 20125 – Milano.
L'elenco aggiornato dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito saranno effettuati direttamente dall’organizzazione del Titolare presso la propria sede, mediante l’ausilio dei propri Incaricati e Responsabili del trattamento, ovvero per il tramite di soggetti terzi (ad es. imprese e/o società di servizi informatici, imbustamento e postalizzazione), all’uopo nominati Responsabili del trattamento, in conformità con quanto previsto all’art. 29, Codice in materia di protezione dei dati personali, ciascuno esclusivamente per le attività di propria competenza svolte, per conto del Titolare.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato e/o diffuso.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.
In questa categoria di dati rientrano: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito; salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di 24 mesi.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Si precisa che il trattamento riguarderà esclusivamente dati comuni e non riguarderà in alcun modo i dati personali sensibili (art. 4, comma 1, lett. d, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ) e giudiziari (art. 4, comma 1, lett. e, Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali ).
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
I dati personali raccolti saranno trattati, in ogni caso, esclusivamente nel perseguimento delle attività della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson statutariamente previste e cioè: diffondere la conoscenza sulla cura della malattia di Parkinson, comunicare i risultati di attività di studio e di ricerca, promuovere la raccolta di fondi da destinare alla ricerca sulla malattia di Parkinson. In particolare il trattamento e la raccolta dei dati personali ricevuti potrà essere così finalizzato per rispondere ad ogni richiesta inviata agli indirizzi indicati su questo sito e per ogni servizio gratuito reso da questo stesso sito web e richiesto dall’utente: newsletter, forum, donazione on line, invio di notiziari, CD rom o altro materiale della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e materiale informativo predisposto e/o selezionato dalla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson in relazione alle proprie attività o ad attività alle stesse collegate, anche realizzate da soggetti terzi (ad es. pubblicazioni) che perseguono finalità analoghe, simili o connesse, relativamente alla patologia del Malattia di Parkinson e che hanno, a tali fini, un rapporto di collaborazione con il Titolare.
Il trattamento riguarderà unicamente dati comuni: la presenza di eventuali dati, qualificabili come sensibili o giudiziari, comporterà la immediata distruzione del relativo messaggio.

COOKIES

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale.
L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla Fondazione Gigioni per il Morbo di Parkinson o comunque indicati in contatti per sollecitare l’invio di materiale informativo o in altre comunicazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità con quanto previsto all’art. 11 del Codice in materia di protezione dei dati personali e sarà effettuato sia manualmente che con l’ausilio di mezzi informatici e telematici. I dati potranno essere conservati sia in archivi cartacei, sia in archivi elettronici, al fine di consentirne, laddove necessario, l’individuazione e la selezione in forma aggregata per il tempo non eccedente la necessità e la durata del trattamento.
In ogni caso il trattamento dei dati avverrà con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e con modalità che garantiscano la sicurezza e la riservatezza dei dati medesimi, attraverso l’adozione delle misure minime di sicurezza atte ad impedire l’alterazione, la cancellazione, la distruzione, l’accesso non autorizzato o il trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta, in conformità con quanto disposto dal Codice in materia di protezione dei dati personali e dal relativo disciplinare tecnico (Allegato B).
L’eventuale trasmissione dei dati tramite posta elettronica non garantisce livelli di sicurezza che consentano una corretta acquisizione dei dati personali trasmessi dall’utente. Pertanto l’utente dovrà verificare la correttezza dei propri dati personali ed, eventualmente, procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. L’utente dovrà altresì adottare ogni più opportuna misura di sicurezza al fine di impedire ogni pericolo di intercettazione, perdita, alterazione o distruzione dei messaggi di posta elettronica.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti ai quali si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 Codice in materia di protezione dei dati personali ).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le richieste potranno essere inoltrate al Titolare del trattamento presso la propria sede, in Milano - Via Zuretti n.35 - 20125 - Tel. 02 66710423 - Fax 02 6705283.

Italian English French German Spanish

Domande e risposte: Terapia attuale

Conoscere per capire, Vimodrone, 12.10.2019

 

Conoscere per capire

Domande e risposte, Vimodrone, 12/1019

In data 12/10/2019 si è tenuto un incontro con esperti nell’Aula consiliare del Comune di Vimodrone. Gli esperti presenti erano i seguenti

Prof. G. Pezzoli – medico neurologo e neurochirurgo, Presidente AIP – Associazione Italiana Parkinsoniani e Presidente della Fondazione Grigioni per il morbo di Parkinson

Dr. A. Zecchinelli – medico neurologo, F.F. Direttore del centro Parkinson e Parkinsonismi, ASST Pini-CTO

Dr. Michela Barichella – medico dietologo, responsabile del Servizio di Dietologia, centro Parkinson ASST Pini-CTO

Dr. Danilo De Gaspari - psicoterapeuta, FERB Cernusco sul Naviglio

Rosa Osnato – fisioterapista, coordinatrice in fisioterapia, Istituto Geriatrico “P. Redaelli”, Vimodrone

Prof. L. Zecca: Professore associato di Ricerca Istituto di Tecnologie Biomediche-CNR a Segrate (MI)

Qui di seguito le domande poste dal pubblico e le risposte fornite sulla terapia attuale per la malattia di Parkinson.

 

Non trovo più Ongentys (opicapone) in farmacia. Come mi devo comportare?

Pezzoli: può recarsi dal suo neurologo chiedendogli di sostituirlo con un altro farmaco della stessa categoria (inibitori delle COMT). Molti pazienti si sono già rivolti ad AIP per lo stesso problema. In qualità di Presidente AIP, mi sono rivolto all’azienda titolare del farmaco, che ci ha informato di avere problemi con la produzione; sono in attesa di avere l’autorizzazione al cambiamento del sito produttivo, per cui la produzione sarà ridotta per diversi mesi. Per questo motivo ci hanno chiesto di non prescrivere più per ora il farmaco a pazienti nuovi, ma ci hanno assicurato di avere inviato in Italia abbastanza farmaco per coprire le necessità dei pazienti già in terapia per il momento.

Diversi pazienti chiedono se è corretta una terapia senza levodopa (paziente di 67 anni con diagnosi da 1 anno in terapia con solo farmaco anti-MAO , altri due con 4-5 anni di malattia, in terapia con farmaco anti-MAO + dopamino agonista).

Pezzoli:  Una volta si impostavano le terapie iniziali senza levodopa per “risparmiarla”, nel senso che si pensava di posticiparne l' uso in modo da prolungare il periodo in cui la levodopa avrebbe dato benefici senza i tipi effetti collaterali a lungo termine (fluttuazioni motorie e movimenti involontari). Uno studio sponsorizzato dalla Fondazione Grigioni in Africa, condotto su  pazienti mai trattati farmacologicamente, ha dimostrato che le fluttuazioni motorie ed i movimenti involontari sono in realtà dovuti alla progressione della malattia, non all’uso prolungato del farmaco. Pertanto, la posticipazione del suo uso non serve, anzi toglie al malato anni di beneficio dal farmaco più efficace in assoluto contro la malattia.

 

La dieta con spostamento dell’assunzione delle proteine prevalentemente alla sera funziona anche in chi non assume levodopa?

Barichella:  No, non è necessaria. Gli accorgimenti nutrizionali consigliati sono di concentrare l’assunzione delle proteine alla sera (poco latte al mattino, nessun secondo e consumo di alimenti a scarso contenuto proteico a pranzo) servono a garantire un buon assorbimento della levodopa, evitando l’assunzione di aminoacidi (i "mattoni" delle proteine) che interferiscono con l’assorbimento del farmaco dal lume intestinale attraverso la parete intestinale ai vasi sanguigni e quindi in circolo. Pertanto, la dieta a ridistribuzione proteica non serve per chi non assume la levodopa.

Per i pazienti che non assumono levodopa si consiglia una dieta mediterranea bilanciata. Consigliamo un elevato apporto di fibre con 5 porzioni di frutta / verdura al giorno, molta acqua (1,5 – 2 litri al giorno), pesce almeno 2-3 volte alla settimana, 1 volta alla settimana 2 uova, carne 2-3 volte alla settimana, formaggio 1-2 volte alla settimana, latte o yogurt una volta al giorno.   Anche la frutta secca è consigliata perchè è ricca di sostanze antiossidanti .

 

Quanto tempo prima del pasto deve trascorrere prima di prendere la levodopa affinchè venga assorbita bene?

Barichella: 30 minuti prima è il momento ideale, da pianificare se la frequenza delle somministrazioni lo consente.

 

Mio marito soffre di malattia di Parkinson da 4 anni. Gli è stato rimosso un melanoma 5 anni fa ed è tutt’ora sotto controllo presso un reparto di oncologia. Può assumere levodopa lo stesso? Il neurologo glielo consiglia, l’oncologo glielo sconsiglia ….

Pezzoli: E’ vero che la levodopa viene trasformata in melanina, ma è stato documentato in ampie casistiche che l’aumento della incidenza di melanoma è minimo e non significativo. Ho avuto in terapia con levodopa diversi pazienti con una storia di melanoma e non ho mai osservato una recidiva.

Cosa posso fare per il malessere che mi viene verso le ore 17-18:00?

Zecchinelli: ll malessere che sopravviene nel tardo pomeriggio è dovuto al suo stato di affaticamento. Nonostante la malattia, lei produce ancora una certa quantità di dopamina, soprattutto al mattino quando gode del beneficio del sonno. Nel tardo pomeriggio questo beneficio è esaurito. Inoltre, lo stato ormonale del corpo cambia in corrispondenza con il crepuscolo, in linea con i ritmi biologici circadiani (nel corso delle 24 ore) e questo favorisce l’affaticamento.  Se vi è il dubbio che la causa sia un problema di latenza dell’assorbimento della levodopa, lo assuma con tanta acqua ed un pezzo di pane.

Mia madre ha 79 anni e soffre di Parkinson da quando ne aveva 72. Di notte continua a svegliarsi ed ha allucinazioni. Quanto è dovuto alla malattia e quanto alle medicine che prende?

Zecchinelli: Può dipendere da entrambi i fattori. Esistono forme di parkinsonismo in cui le allucinazioni fanno parte dei sintomi ed alcuni farmaci anti-Parkinson possono indurre allucinazioni.

Si tratta di un problema importante. La paziente deve dormire per poter avere il beneficio del sonno. Esistono farmaci che possono migliorare la qualità del sonno, ma il loro uso dipende dalla natura del disturbo. Bisogna studiare approfonditamente il caso per inquadrare bene il problema ed affrontarlo in maniera corretta.

Pezzoli: Alcune domande da fare sono:

la paziente deve alzarsi spesso perché urina molto?   Se sì, è probabile che abbia la pressione arteriosa elevata di notte (con pressione bassa durante il giorno) e questo induce il rene a lavorare di più ed a produrre più urina nelle ore notturne. Il problema può essere affrontato con un farmaco calcio-antagonista da assumere verso le ore 21:00, per abbassare la pressione notturna. Una alternativa è di ricorrere ad un letto reclinabile e regolarlo in modo da tenere la testa rialzata. 

La paziente parla durante il sonno? Se la risposta è sì, allora si tratta di un disturbo di una fase del sonno, il sonno REM. La soluzione è l’assunzione di un farmaco specifico per questo disturbo ovvero lorazepam all’ora di coricarsi; questa terapia risolve il problema nel 70-80% dei casi.

Le allucinazioni compaiono solo di notte? Se la risposta è sì e non vi è una storia di psicosi, allora è probabile che in realtà siano intrusioni del sogno nella veglia. Se invece la signora ha allucinazioni anche di giorno  o se le allucinazioni sono anche uditive allora la situazione è diversa e bisognerà ricorrere ad una terapia antipsicotica. Si consiglia quetiapina oppure clozapina.

 

C’è differenza tra la terapia a base di Mucuna pruriens e quella con levodopa farmaceutica?

Pezzoli: secondo la nostra esperienza in Africa, i semi di Mucuna, purchè preparati come abbiamo imparato in Bolivia (vedere sito www.parkinson.it) , sono altrettanto efficaci quanto la levodopa farmaceutica con effetti un po’ più “dolci” nel senso che causa meno movimenti involontari. Teoricamente dovrebbero avere gli stessi effetti collaterali, ma noi non li abbiamo visti.

 

E’ possibile coltivare la Mucuna in Italia?

Pezzoli: Sì, è possibile. Anche se cresce normalmente nei paesi tropicali, il clima italiano è compatibile con la sua crescita, soprattutto in Sud Italia. Se si desidera coltivarla nel proprio orto, si può. Tuttavia, in Italia la legge vieta il commercio e la vendita di Mucuna pruriens, per cui potrete coltivarla solo per uso personale.

 

Pin It
Non vuoi ricevere il materiale a casa ma vuoi rimanere informato?
ISCRIVITI SOLO ALLE NEWSLETTER !